Falconara, Cenci sulle elementari Da Vinci: "Si risparmia sui bambini?"

3' di lettura Ancona 30/11/2021 - Dopo oltre 5 anni dall’espletamento delle verifiche di vulnerabilità sismica della scuola primaria Da Vinci di Castelferretti e tre gravi scosse manifestatesi nel 2016 e 2017, questa estate l'Amministrazione comunale ha presentato il progetto relativo alla ristrutturazione di una sola parte del plesso, cioè quella in cemento armato di più recente costruzione.

La parte più vecchia invece, cioè quella risalente ai primi del ‘900, ha visto finora solamente il rifacimento della copertura e nessun altro intervento sembra essere previsto. Ci risulta che nel corso dell’estate il Sindaco e l'Assessore ai LL.PP. abbiano effettuato sopralluoghi in diversi immobili dismessi della zona artigianale Ciaf (ABC, ecc.) sino ad arrivare nel vicino territorio di Chiaravalle, senza però riuscire ad individuare una sistemazione logistica consona, che potesse ospitare gli attuali 250 alunni del plesso delle elementari Da Vinci di Castelferretti.

A tutt’oggi non esiste un progetto definito di sistemazione temporanea delle classi, si ipotizza che due delle nove complessive possano essere ospitate nei locali delle scuole medie e sette andranno nel plesso della parrocchia di S. Andrea di Castelferretti, ma non si conoscono:

- i costi dei lavori necessari alla predisposizione delle aule;

- il canone d’affitto;

- se la superficie delle aule sarà adeguata al numero degli alunni (il DM del 18 dicembre 1975 stabilisce in 1,8 mq lo spazio minimo previsto per alunno);

- se sono previste uscite di sicurezza per le aule ubicate al primo piano;

- se tutte le aule sono a norma dal punto di vista illuminotecnico e di areazione.

Non sono inoltri chiari i tempi di permanenza degli alunni all’interno dei locali parrocchiali. Tutto questo poteva essere evitato se si fosse presa in considerazione la raccolta di firme da parte dei genitori avvenuta all’inizio del 2018 e inviata al Sindaco, con la quale si auspicava la realizzazione di un nuovo plesso anziché la ristrutturazione dell’esistente. Invece con la Delibera di Giunta 243 del 19.06.2018 la Giunta ha valutato troppo elevato il costo di circa 5 milioni e 200 mila euro per un eventuale nuovo plesso, ed ha optato per la ristrutturazione dell’esistente. Presto sarà possibile fare un raffronto però tra quelli che sarebbero stati i costi di una nuova scuola con quelli della ristrutturazione del vecchio edificio: il nostro gruppo attende di sapere l’importo totale dei costi per la demolizione del plesso in cemento armato e della sua ricostruzione, a cui nel tempo si dovranno aggiungere anche quelli relativi ad eventuali varianti in corso d’opera.

Attualmente circolano stime dei costi per i lavori ipotizzati in circa 4 milioni di euro, ma senza considerare quelli relativi alla porzione di edificio di cui si è già provveduto al rifacimento della copertura, porzione che molto probabilmente avrà però anche necessità di ulteriori interventi. Da informazioni da noi acquisite, al termine dei lavori, si avrà inoltre una scuola primaria con una palestra piccola, completamente interrata e non idonea ad attività sportive extrascolastiche, come ad esempio il basket, la pallavolo, il calcetto, saranno possibili solo attività motorie primarie, vista la mancanza di altezze e superfici sufficienti. L’attuale scelta della maggioranza preclude anche la possibilità di avere aree verdi esterne quanto mai opportune e utili per lo svolgimento di attività ludico/scolastiche in bambini di quella fascia di età. L’Ipotesi di un nuovo plesso avrebbe inoltre consentito di progettare anche un’opportuna area adibita a parcheggio evitando l’attuale annoso congestionamento dell’area in termini di traffico in fase di ingresso e uscita dalle scuole.


Da Roberto Cenci

Capogruppo consiliare liste civiche Cittadini in Comune/Falconara Bene Comune e SiAmo Falconara





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2021 alle 17:08 sul giornale del 01 dicembre 2021 - 176 letture

In questo articolo si parla di politica, falconara marittima, Roberto Cenci, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cxl0





logoEV