contatore accessi free

Rinasce on-line il "quasi" mensile studentesco dorico "Il Brogliaccio"

1' di lettura Ancona 04/02/2022 - Si tratta della riedizione in chiave moderna della testata cartacea del “quasi mensile studentesco” di Ancona degli anni 60′ che scritto senza barriere di appartenenza da studenti delle scuole superiori della città, fu venduto dal Marzo 1962 al 1973 tra i banchi o nell'atrio degli istituti scolastici cittadini

E' uscito il primo numero del "Il Brogliaccio 2000". Si tratta della riedizione in chiave moderna della testata cartacea del “quasi mensile studentesco” di Ancona degli anni 60′ che scritto senza barriere di appartenenza da studenti delle scuole superiori della città, fu venduto dal Marzo 1962 al 1973 tra i banchi o nell'atrio degli istituti scolastici cittadini. La peculiarità, unica in Italia, di questo mensile studentesco autofinanziato fu quella di non essere redatto da componenti di un singolo istituto scolastico, ma da studenti provenienti da tutte le scuole di Ancona; questa pubblicazione ebbe un notevole successo tanto da raggiungere allora una tiratura di 5000 copie in una città che contava circa 85.000 abitanti. Al mensile collaborarono circa 400 studenti di diversa formazione ideologica che si erano aggregati ai redattori alla ricerca della “verità attraverso il dialogo” (vedi www.ilbrogliaccio.it).

La Redazione del “Il Brogliaccio 2000” oggi è formata da alcuni redattori di allora ma è aperta alla collaborazione di tutti coloro che intendono condividerne il progetto; la rivista si occupa delle Marche ma con lo sguardo aperto a tutto ciò che ci circonda. “Il Brogliaccio 2000” è una pubblicazione non periodica diffusa gratuitamente e solo via Web tramite una mailing list da comporre su richiesta scrivendo a: ilbrogliaccio2000@gmail.com.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2022 alle 17:02 sul giornale del 05 febbraio 2022 - 140 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cJIJ





logoEV
logoEV