contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara. Assessore Rossi sul caso Bolkestein: "Spetta alla politica difendere il nostro turismo"

2' di lettura
197

Spiagge accessibili a tutti

Così l'assessore all'Urbanistica del Comune di Falconara Clemente Rossi: "Sarà anche questa volta politica la strada da seguire per uscirne e bene ha fatto la Regione nel coinvolgere le altre regioni interessate per avviare un dialogo con Roma e con Bruxelles e intervenire sul punto"

Torno a parlare di Bolkestein per l’unica iniziativa degna di senso che ho visto in tutti questi anni. Mi riferisco alla Regione Marche che pone la questione “politica” sulla contestata direttiva che rischia di far scomparire il settore balneare turistico – vero motore del Paese – fatto di spiagge, di accoglienza che dà lavoro a migliaia di famiglie nel nome di un libero mercato buono solo per le fasce alte e altissime dell’economia, distruttivo per quelle inferiori, per nulla furbo, checché se ne dica, per l’Italia. Fu decisione politica approvarlo in Europa (scelta suicida per l’Italia, visto che a presiedere la Commissione c’era quel Romano Prodi che qualcuno 7 anni fa ha pure provato a far diventare Presidente della Repubblica, Dio ce ne scampi), fu decisione politica quella di recepire la direttiva qualche anno dopo.

Sarà anche questa volta politica la strada da seguire per uscirne e bene ha fatto la Regione nel coinvolgere le altre regioni interessate per avviare un dialogo con Roma e con Bruxelles e intervenire sul punto. Politica, non tecnica. Il tecnico segue la norma. Si muove, al più, interpretandola ma qui c’è davvero poco da interpretare. La realtà attuale, dopo la sentenza del Consiglio di Stato dà contro a una legge del suo stesso Stato per sposare la controversa direttiva Ue (siamo un Paese fantastico!), nessun dirigente o funzionario pubblico darà l’ok a un rinnovo di concessione. E visto che dopo il danno arriva sempre anche la beffa, ecco servito l’aumento dei canoni demaniali marittimi che mina l’intero settore.

In tutto questo marasma la situazione più complicata e più accidentata la stanno vivendo i bagnini che lavorano tra Falconara e Ancona nelle spiagge del centro, di Palombina Vecchia, Palombina Nuova, Collemarino e Torrette dove oltre che con il Demanio i concessionari hanno a che fare anche con l’Autorità Portuale. Per gli operatori la burocrazia si duplica. Va spesso in contraddizione. L’Ap per altro è ancora commissariata. L’Ammiraglio Pettorino, stimato militare conosciuto quando è stato al comando della Capitaneria nella Dorica, porta avanti l’ordinaria amministrazione. Il presidente designato, salvo ulteriori scherzi e sgambetti, è Vincenzo Garofalo ma l’iter che condurrà al suo arrivo ad Ancona è ancora lungo. Ci possiamo permettere di perdere tutto questo tempo? Ma soprattutto: ha ancora senso comprendere le attività balneari sotto l’Autorità che quelle portuali?



Spiagge accessibili a tutti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2022 alle 18:51 sul giornale del 12 febbraio 2022 - 197 letture