contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Il Comitato 27 febbraio scende in piazza per manifestare contro Draghi, Banche e Nato

2' di lettura
140

Il Comitato 27 febbraio - costituitosi all'indomani dell’entrata di Draghi a Palazzo Chigi - ha indetto una mobilitazione in piazza Roma ad Ancona per domani sabato 26 febbraio alle ore 16, come in oltre 20 piazze d’Italia, per opporsi al governo Draghi e a tutto ciò che rappresenta per il popolo italiano

Il Comitato 27 febbraio - costituitosi all'indomani dell’entrata di Draghi a Palazzo Chigi - ha indetto una mobilitazione in piazza Roma ad Ancona per domani sabato 26 febbraio alle ore 16, come in oltre 20 piazze d’Italia, per opporsi al governo Draghi e a tutto ciò che rappresenta per il popolo italiano.

Ad Ancona saranno presenti il Partito Comunista, la rivista Cumpanis, l’associazione No Guerra No NATO Ancona e Riconquistare l’Italia per dare voce all’unica opposizione a questo governo.

Scenderemo in piazza per denunciare le politiche interne ed internazionali, totalmente asservite ai grandi monopoli finanziari e alle banche, all’Europa e alla Nato, e che come effetto hanno solo un sempre maggiore impoverimento della classe lavoratrice di questo paese.

Il governo Draghi rappresenta il mondo in cui la politica non conta più nulla, perché agisce solo negli interessi dei grandi poteri economici, il mondo in cui non si ha più un indirizzo politico di medio-lungo periodo, il mondo dello stato di emergenza perenne, che di fatto ha trasformato il nostro Paese in uno stato autoritario. Prova estrema ne è la completa uniformità e omologazione dei mezzi di comunicazione, attraverso cui passa solo un messaggio, quello filoatlantista e liberista, e in cui ogni forma di dissenso o contraddittorio viene, nel migliore dei casi, ignorato, nel peggiore deriso e screditato.

In questo anno il “governo dei migliori”, con l'avallo dei sindacati concertativi, ha messo in ginocchio la classe lavoratrice tutta: delocalizzazioni di multinazionali in attivo, utilizzo del green pass non come misura sanitaria ma come grimaldello per aprire la stagione dei licenziamenti di massa, demolizione del sistema pensionistico e della sanità pubblica, aumento delle bollette e diminuzione di salari e potere d’acquisto.

Infine non vogliamo che il governo delle banche ci trascini in questa guerra per subordinare ulteriormente i popoli dell’Europa al diktat USA, in aperta violazione dell’articolo 11 della Costituzione e contro ogni interesse nazionale.

Il Comitato 27 febbraio lotta per la Pace fondata sull’uguaglianza dei diritti, l’equa distribuzione della ricchezza e la libertà dei popoli.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-02-2022 alle 13:47 sul giornale del 26 febbraio 2022 - 140 letture