Stop alle mascherine dal 1° maggio, restano obbligatorie per scuole, ospedali e mezzi di trasporto

2' di lettura Ancona 29/04/2022 - Via libera alla proroga delle mascherine obbligatorie al chiuso in cinema, teatri e mezzi di trasporto, mentre diventa solo "raccomandata" negli uffici e nei luoghi di lavoro

Dal 1° maggio l’Italia torna libera dalle restrizioni decise per contrastare la diffusione del Covid-19. Non bisognerà più esibire il Green pass - ad eccezione di ospedali e Rsa - e non sarà più obbligatorio indossare la mascherina al chiuso, ad eccezione dei luoghi considerati più a rischio.

Sabato 30 aprile scade infatti il decreto del governo che contiene le restrizioni anti contagio. Per quanto riguarda le mascherine però dal 1° maggio entra in vigore una nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza che proroga fino al 15 giugno l'obbligatorietà in alcuni luoghi.

L'ordinanza prevede "l'obbligo di indossare le mascherine FFP2 per l'accesso ai mezzi di trasporto, per gli spettacoli pubblici che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo, nonché per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso". Le mascherine (in questo caso anche chirurgiche) restano obbligatorie anche a scuola, negli ospedali e nelle rsa mentre nei luoghi di lavoro non è stato prorogato l'uso della mascherina, salvo però rimandare ai datori di lavoro la facoltà di decidere con appositi protocolli interni.

Ecco nel dettaglio quanto prevede la nuova ordinanza in merito all'uso delle mascherine dal 1° maggio al 15 giugno:

  • Mezzi di trasporto: obbligo di indossare la mascherina ffp2 su aerei, navi, traghetti, treni, autobus a lunga percorrenza, trasporto pubblico locale o regionale, trasporto scolastico.
  • Scuole: obbligo di indossare la mascherina negli spazi al chiuso per alunni, insegnanti e personale scolastico fino al termine dell'anno scolastico.
  • Cinema, teatri, locali di intrattenimento: obbligo di indossare la mascherina per i cinema, i teatri, locali di intrattenimento e musica dal vivo, eventi culturali al chiuso.
  • Stadi e competizioni sportive: obbligo di indossare la mascherina negli stadi, nei palazzetti e durante tutte le competizioni sportive al chiuso.
  • Ospedali e Rsa: obbligo per lavoratori, gli utenti e i visitatori di tutte le strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le Rsa, le strutture di lungodegenza e quelle riabilitative.
  • Luoghi di lavoro: nei luoghi di lavoro, pubblici e privati i dispositivi di protezione sono solo raccomandati. I datori di lavoro possono decidere per l'obbligatorietà delle mascherine con appositi protocolli interni.

L'uso della mascherina resta consigliato in tutte le situazioni di assembramento.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter





Questo è un articolo pubblicato il 29-04-2022 alle 10:37 sul giornale del 30 aprile 2022 - 852 letture

In questo articolo si parla di attualità, marco vitaloni, articolo, covid, mascherine al chiuso

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c4BR





logoEV