contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Le mamme sono distratte e i figli imbrattano il Monumento. Fermati dalla Polizia: “Risarciremo il danno”

1' di lettura
531

I figli delle due donne, approfittando di un attimo di distrazione delle genitrici, si stavano divertendo ad imbrattare il Monumento ai Caduti in piazza IV novembre. L’arrivo degli agenti interrompeva però le risate dei due ragazzi

Impareranno sicuramente un’importate lezione i due giovani ragazzi, entrambi con meno di 14 anni, che sono stati colti dagli agenti della Sezione Volanti della Questura di Ancona imbrattare con un pennarello il colonnato del Monumento ai Caduti di Piazza IV novembre.

I due ragazzi si erano allontanati dalle rispettive madri che li avevano accompagnati in Pineta per godersi l’assolato pomeriggio di martedì. Approfittando di un momento di distrazione delle genitrici, uno dei due ragazzi, armato di pennarello iniziava a lasciare delle scritte sulla pietra bianca del colonnato.

I due non si erano resi conto della vicinanza degli Agenti della Squadra Volanti, impegnati a presidiare il Monumento in quanto luogo sensibile per le manifestazioni del giorno seguente, in occasione della Festa della Repubblica. I poliziotti non impiegavano che pochi secondi quindi ad intervenire, sulla segnalazione di un passante che aveva notato i due giovani writers imbrattare il monumento.

Fermati i due adolescenti venivano accompagnati dalle madri. Le due donne esprimevano subito tutto il loro rammarico per non essersi accorte di quanto i loro figli stessero facendo, sottraendosi al loro controllo, rendendosi disponibili a risarcire il danno.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un articolo pubblicato il 02-06-2022 alle 20:29 sul giornale del 03 giugno 2022 - 531 letture






qrcode