La protesta dei lavoratori del ministero della Cultura: sit-in piazza del Papa

Bandiere sindacati Cgil Cisl Uil 1' di lettura Ancona 02/07/2022 - Protesta, lunedì mattina, dei circa 300 lavoratori degli uffici marchigiani del Ministero della Cultura.

Il presidio è previsto dalle ore 10 alle 12 in piazza del Plebiscito ad Ancona. La manifestazione, promossa da Fp Cgil, Cisl Fp e Uilpa riguarda una situazione molto particolare relativa alle condizioni di lavoro di questi uffici dove sono rimasti poco meno di 300 lavoratori nelle Marche. Solo dal 2018 gli organici si sono ridotti del 22% ma, nell'arco degli ultimi dieci anni, gli uffici marchigiani del Ministero della Cultura hanno subìto un complessivo dimezzamento. In compenso, le attività sono aumentate, in particolare con la ricostruzione post-sisma e le autorizzazioni legate al PNRR. A farne la spesa sono i dipendenti, oggi costretti a incombenze raddoppiate.

A questo, si aggiunge un'impermeabilità dell'amministrazione a progetti d’ innovazione organizzativa legati alla digitalizzazione, tra i quali l'utilizzo del lavoro agile che la pandemia ha diffuso nei luoghi di lavoro e che il recente rinnovo del CCNL ha previsto. Non sono più rimandabili un piano straordinario di assunzioni, un approccio organizzativo serio e strutturale sul PNRR e un miglioramento delle condizioni di lavoro tramite l'adozione di una moderna strumentazione digitale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2022 alle 10:38 sul giornale del 04 luglio 2022 - 174 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, cgil, cisl, uil, Bandiere sindacati, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dd4D