contatore accessi free

Arretramento Ferroviario: Ciccioli " “Le bugie del Pd sull’arretramento sono tante ed enormi"

2' di lettura Ancona 11/07/2022 - Il capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale Carlo Ciccioli "Non abbiamo mai chiuso la porta in faccia a nessuno. Mi aspetto che ci possa essere unità di intenti, visto che tra le loro fila annoverano il “tutore” di Giovannini e la partecipazione al Governo"

“Non che mi meravigli più di tanto, ma dai vertici marchigiani del Partito Democratico non si perde occasione per andare sempre sotto il limite della decenza. Ovviamente, la questione relativa all’arretramento complessivo e non parziale della litoranea Adriatica, non fa eccezione. La prima eclatante bugia è che il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, non pensa che a sé stesso e alla propria carriera politica, molto offuscata. È notorio, infatti, come Ricci non abbia alzato un dito per convergere sul lavoro che è stato messo in piedi dal presidente della Regione, Francesco Acquaroli, non appena si è avuta notizia del solo finanziamento per il bypass di Pesaro, con addirittura Fano escluso. È stato Seri, omologo politicamente a Ricci, ad alzare la voce per primo. Da Ricci, spallucce. Questo è il suo modo di intendere la politica: pro domo sua”. Questo il commento del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli, a seguito delle uscite dei vertici del Pd sull’argomento.

“Noi, no. Subito ci siamo attivati, ciascun partito della maggioranza di centrodestra lo ha fatto. E si è ottenuto l’inserimento di Fano e, subito dopo, l’inserimento del bypass di Falconara, inserito nel piano industriale Rfi. A darne l’annuncio il presidente Acquaroli in risposta alle irrisorie parole del capogruppo Mangialardi (seconda bugia) che, per l’appunto, provocano solo ilarità in quanto dipingono un quadro assurdo con Ricci tutore legale del ministro Giovannini. Addirittura. Infatti, secondo l’Epica raccontata da Mangialardi e sposata dal commissario Losacco, il super Ricci ha ottenuto che l’arretramento ferroviario arrivi fino a Falconara. Ilarità, appunto. La verità è che il presidente Acquaroli dopo aver promosso incontri con amministratori e operatori economici, è riuscito a conseguire questo primo importante risultato, un secondo step fino a Falconara. Ma non ci fermeremo qui. Nell’auspicato incontro fra Regione e Ministero si getteranno le basi per aggiungere ulteriori step per salvaguardare l’intera nostra Regione, tutti i comuni costieri e non solo l’orticello elettorale, come dal Pd è uso e costume. Se vorranno, ci affianchino. Non abbiamo mai chiuso la porta in faccia a nessuno. Anzi. Mi aspetto – conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli – che ci possa essere unità di intenti, visto che tra le loro fila annoverano il “tutore” di Giovannini e la partecipazione al Governo, e non solo speculazioni politiche per un attimo di visibilità in Consiglio regionale o sui media”.



da Carlo Ciccioli
Capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2022 alle 16:57 sul giornale del 12 luglio 2022 - 158 letture

In questo articolo si parla di politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dfmy





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode