contatore accessi free

Lotta all'immigrazione clandestina. Nel primo semestre del 2022 sono 70 le espulsioni delle Questura di Ancona

arrestato cittadino 2' di lettura Ancona 16/07/2022 - Continua l’attività della Polizia di Stato, impegnata quotidianamente nei servizi disposti dal Sig. Questore diretti a contrastare l’immigrazione irregolare

Nei primi sei mesi del 2022 l’Ufficio Immigrazione ha curato l’esecuzione di 70 procedure di espulsione o allontanamento dal territorio nazionale. Nello specifico, sono stati colpiti dai provvedimenti soggetti gravati da precedenti per reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, reati contro la persona e reati contro il patrimonio.

Al riguardo l’Ufficio Immigrazione ha predisposto l’accompagnamento presso C.P.R. nazionali di 26 stranieri irregolari sul territorio nazionale, nonché l’accompagnamento in frontiera di altri 8 stranieri in esecuzione di provvedimenti espulsione.

Nello stesso periodo sono stati notificati 12 ordini di allontanamento dal territorio nazionale nei confronti di cittadini comunitari e sono stati firmati 30 ordini del Questore a lasciare il territorio nazionale. Inoltre, 12 stranieri, sempre rintracciati irregolari sul territorio nazionale, sono stati assoggettati alle misure del trattenimento del passaporto e dell’obbligo di firma in Questura in attesa di essere rimpatriati con appositi voli. Sono stati, poi, accompagnati in frontiera 6 stranieri in esecuzione di provvedimenti dell’Unità Dublino del Ministero dell’Interno.

Di pari passo si è svolta l’attività della Questura volta all’Accoglienza degli stranieri regolari. Infatti, sempre da inizio 2022, l’Ufficio Immigrazione ha proceduto ad acquisire 8.300 istanze di permesso di soggiorno, nonché a formalizzare le richieste di asilo di 455 migranti, cittadini di vari Paesi del mondo, giunti in Italia per richiedere protezione.

Nell’ambito di tale attività, il 13 luglio, il personale della Questura ha dato esecuzione al provvedimento di espulsione giudiziaria emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Ancona. Si tratta di una espulsione come sanzione alternativa alla detenzione in carcere. La misuta era indirizzata nei confronti di un detenuto tunisino trentacinquenne e accompagnato dal personale della Questura presso la frontiera aerea di Roma Fiumicino per il rimpatrio in Tunisia, scortato a bordo dell’aeromobile dal personale dell’Ufficio Immigrazione abilitato con corso scorta internazionale.

Lo straniero era ristretto nel carcere di Montacuto di Ancona a seguito dell’arresto effettuato per i reati di violazione di domicilio e violenza privata. Inoltre, lo stesso risulta avere a proprio carico numerosissimi precedenti e pregiudizi di Polizia per furto, violazione della legge sull’immigrazione, violazione di domicilio aggravata, porto di armi, furto in abitazione, possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli, ricettazione, lesioni personali, false dichiarazioni sull’identità, associazione a delinquere, rapina aggravata e altro. Il soggetto peraltro era già destinatario di un ulteriore provvedimento di espulsione come misura di sicurezza emessa dal Magistrato di sorveglianza di Ancona, in quanto, alla luce dei predetti precedenti penali, ritenuto persona socialmente pericolosa.







Questo è un articolo pubblicato il 16-07-2022 alle 14:50 sul giornale del 18 luglio 2022 - 217 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, polizia di stato, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dggQ





logoEV
logoEV
qrcode