contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Ubriachezza e coltello a mo' di portachiavi, l'attenzione della Polizia sulla "movida" del sabato pomeriggio

2' di lettura
180

Polizia di Prossimità
Un cittadino italiano di 23 anni e veniva sanzionato per l’ubriachezza. un cittadino italiano di 19 anni veniva trovato con un coltello a serramanico, utilizzato come portachiavi, deferito per il reato di porto abusivo di oggetti atti ad offendere

Nel pomeriggio di ieri personale della Squadra Volante si portava in Corso Garibaldi a seguito di segnalazione relativa alla presenza di due ragazzi di cui uno ubriaco e molesto. In particolare, veniva comunicato che il ragazzo molesto si era da poco allontanato da un negozio in direzione porto.

Gli operatori intercettavano i due ragazzi segnalati in Corso Garibaldi, appurando che uno dei due era totalmente estraneo alla vicenda non avendo tenuto alcun comportamento non consono.

Il ragazzo molesto, invece, era in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’abuso di sostanze alcoliche. Il predetto veniva identificato per un cittadino italiano di 23 anni e veniva sanzionato per l’ubriachezza. Gli operatori, inoltre, accertavano che lo stesso, che lavorava su un’imbarcazione, sarebbe ripartito dal porto di Ancona in serata.

Sempre nel pomeriggio di ieri personale della Squadra Volante, transitando nella zona del Piano, notava un soggetto con una felpa di colore grigio con il cappuccio indossato, che gravitava nei pressi di esercizi commerciali.

Gli operatori provvedevano a fermare l’uomo, appena uscito da un esercizio commerciale, identificandolo per un cittadino italiano di 19 anni con pregiudizi per reati contro il patrimonio.

Durante il controllo emergeva nella disponibilità dell’uomo un coltello a serramanico, utilizzato come portachiavi, che si presentava con il manico in plastica di colore rosso e con una lama di circa 9 cm piuttosto affilata munita di punta acuminata.

Intervistato in merito al porto dell’oggetto atto ad offendere il ragazzo riferiva di utilizzarlo per lavoro.

Tale affermazione non convinceva gli operatori considerato che lo stesso non era in abbigliamento da lavoro e che il coltello in questione risultava comunque essere applicato ad un mazzo di chiavi.

L’uomo, pertanto, veniva deferito per il reato di porto abusivo di oggetti atti ad offendere, mentre il coltello veniva sequestrato.




Polizia di Prossimità

Questo è un articolo pubblicato il 06-11-2022 alle 17:16 sul giornale del 07 novembre 2022 - 180 letture






qrcode