contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Degrado Largo Staffette Partigiane, Ballanti sollecita l'intervento di Mancinelli

3' di lettura
330

Daniele Ballanti sollecita il Sindaco ad intervenire per contrastare il degrado del Largo Staffette Partigiane e delle Grazie

“I residenti e i commercianti non ne possono più di una situazione che nel tempo peggiora anziché migliorare” afferma il portavoce del Comitato di Via Torresi e presidente di Ankon nostra Civica Verde e Popolare. Recentemente la comparsa di una discarica, con tanto di scooter vandalizzato, nei pressi delle scalette di Largo Staffette Partigiane e abbandono di rifiuti nel giardino delle Scuole Savio. “Una chat di vicinato ci avverte in tempo reale”.

“Dopo anni di degrado, richieste di interventi, silenzi dell’Amministrazione e proteste di quartiere come una forte pressione mediatica” – riferisce Ballanti – “l’esposizione di lenzuola anti-degrado dai balconi, la raccolta di 1020 firme per la petizione per chiedere attenzione dal Comune e dopo essere stati ricevuti dal Prefetto e dal Questore, anche la disponibilità e i sopralluoghi dell’Assessore Stefano Foresi, purtroppo il 90% delle criticità non sono state sanate. Solo i capannoni della ex - Telecom su Via Torresi e Via Bornaccini sono stati messi in sicurezza (come è stato chiesto a gran voce) ma tutta la zona abbandonata è stata lasciata in stato di degrado e sporcizia, una giungla di verde incolto, immondizia e animali, mentre in alcuni edifici attigui disabitati i commercianti riferiscono della presenza di personaggi “strani”. Per questo abbiamo creato una chat di vicinato del Comitato dove sono presenti anche le Forze dell’Ordine che intervengono nel caso ci sia necessità”.

Il degrado e l’incuria regnano non solo in Via Torresi (la mancanza di un progetto chiaro sul futuro delle Scuole Domenico Savio e l’asilo Sabin, marciapiedi ormai impraticabili perché realizzati senza materiale traspirante che causano l’innalzamento delle radici dei platani in cerca di ossigenazione, gli altri platani sulla strada letteralmente soffocati da gettate di asfalto ai bordi dei tronchi che li porta ad indebolirsi ed ammalarsi (magari giustificandone in futuro gli abbattimenti?) ma in tutto il quartiere con asfalti colabrodo, il verde lasciato senza manutenzione, edifici abbandonati.

Nel Largo Staffette Partigiane scalinata e marciapiede sono invasi da strati di fango e sassi, con pericolo di cadute, che scendono dalla zona “discarica”, mura deturpate da scritte ed offese, carenza di cestini getta rifiuti, sporcizia, giochi per bambini vandalizzati e rimossi e mai ripristinati. Nella zona sovrastante la piazza illuminazione e telecamere di sicurezza mancanti, vegetazione incolta, campo senza reti da basket, panchina inagibile perché rotta. In Via Camerano nel giardino sopra l’asilo Sabin la mancanza di illuminazione del 70%, nella zona buia nelle ore serali e notturne i residenti segnalano frequentazioni sospette. Degrado, sporcizia e generale abbandono, le scale per Via delle Grazie dissestate, quasi inagibili. Il prodotto di anni di incuria e di richieste inascoltate.

“In questi giorni sono partite le “asfaltature pre-elettorali di Via Torresi” ma noi – conclude Ballanti - anche grazie alla nostra chat di vicinato, continueremo a tenere sotto controllo le varie situazioni. Di sicuro verificheremo la correttezza delle asfaltature in Via Torresi affinché l’asfalto non venga steso attorno ai tronchi dei platani togliendo loro lo spazio vitale di traspirazione previsto in qualunque regolamento del verde. Il quartiere non può perdere le già scarse zone verdi e le piantumazioni come in altri quartieri recentemente avvenuto”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2022 alle 10:59 sul giornale del 08 novembre 2022 - 330 letture






qrcode