contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

L’Associazione italiana delle Società di mutuo soccorso festeggia dieci anni di vita

3' di lettura
58

Ad Ancona la cerimonia per il 10° anniversario di fondazione dell'AISMS

Le Società di mutuo soccorso, nate nella seconda metà dell’Ottocento, erano organizzazioni volontarie di lavoratori, spesso di una stessa categoria, che si tassavano di una modesta quota mensile per costituire un fondo comune dal quale attingere a favore dei soci che venivano a trovarsi in particolari situazioni di bisogno. Con quelle prime forme associative, si cercava di ridurre gli effetti della disoccupazione, delle malattie, delle invalidità; a volte di allontanare lo spettro della fame e della miseria. Attraverso passi successivi, la mutualità ha favorito una sensibilizzazione generale sui temi legati alla protezione sociale, fino all’assunzione da parte dello Stato di meccanismi di tutela pubblica, per garantire un livello minimo di soddisfazione dei bisogni legati alla sanità, alla previdenza e all’istruzione: meccanismi tanto funzionali da divenire fattori di benessere e di uguaglianza sociale.

Con la stabilizzazione dello stato sociale, le Società di mutuo soccorso, regolate dalla Legge 3818/1886 e successive modifiche, hanno perso gran parte della loro funzione primaria ed esclusiva che le caratterizzava e hanno assunto con il tempo un ruolo di integratori sociali per alcuni servizi in campo sanitario, artistico, ricreativo e culturale, che lo Stato non era in grado di offrire in maniera diffusa. In questi anni stiamo assistendo a radicali cambiamenti economici e sociali che stanno riportando in primo piano il ruolo delle Società no profit, e in particolare delle Società di mutuo soccorso che, per tradizione, hanno sempre saputo coniugare i valori solidaristici con interventi concreti. Da qui l’attualità e il rinnovato ruolo delle oltre 1100 Società di mutuo soccorso ancora operanti nel nostro Paese, che sono in grado di offrire collaudati meccanismi di ricomposizione sociale e di concreta solidarietà.

Con oltre 170 anni di esperienza al servizio dei cittadini, senza perseguire fini di lucro e con la costante ricerca di nuove formule per andare incontro ai bisogni emergenti, la Mutualità, che ha solide radici su tutto il territorio nazionale, si ripropone pertanto come nuovo soggetto di privato sociale, richiamando l’attenzione, oltre che dei potenziali fruitori dei servizi erogati, anche di un pubblico attento ai nuovi fenomeni sociali che, in contro tendenza all’incessante avanzata dell’individualismo, riescono a rendere ancora attuale il valore dei legami affettivi e morali che uniscono gli uomini tra di loro e li spingono all’aiuto reciproco.

Per fare una riflessione su questi temi, divenuti oggi di grande attualità e rilevanza, anche alla luce della recente riforma del Terzo Settore, l’Associazione italiana delle Società di mutuo soccorso (A.I.S.M.S.), che svolge servizio di rappresentanza delle 130 Società a essa aderenti nei confronti delle Istituzioni pubbliche a tutti i livelli e fornisce alle stesse Società servizi di consulenza legale e amministrativa, il 4 dicembre 2021 ha tenuto un Convegno nazionale in Valdragone di Borgo Maggiore (Repubblica di San Marino) e ora, in occasione del suo 10° anniversario di fondazione, organizza un Raduno nazionale delle Società di mutuo soccorso, al quale sono invitati parlamentari, amministratori locali ed esperti, per approfondire gli esiti del Convegno di San Marino, i cui atti sono stati raccolti in un volume intitolato La voce del silenzio.

La manifestazione avrà luogo alle ore 9.00 di sabato 19 novembre 2022 presso la Sala Conferenze della Federazione Marchigiana delle BCC – via Sandro Totti, 11 – Ancona.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2022 alle 16:36 sul giornale del 16 novembre 2022 - 58 letture






qrcode