contatore accessi free

Ho provato il nuovo menù degustazione del Mooka Ristorante di Senigallia

4' di lettura Ancona 28/11/2022 - Ci sono dei luoghi comuni che hanno sempre un fondo di verità, e luoghi comuni completamente errati. Per esempio di solito siamo tutti un po’ “spaventati” a prenotare nel ristorante di un Hotel 4* perché pensiamo sempre sia troppo caro, ma il MOOKA RISTORANTE del RAFFAELLO HOTEL capovolge completamente questa convinzione.

Recentemente ho provato il nuovo menù degustazione e vi posso garantire che quello che ho mangiato, il servizio e la location giustificano totalmente il prezzo, che - a mio avviso – è anche molto conveniente rispetto alla media del territorio.

Per chi non conosce questo splendido Hotel situato tra il centro città e il mare (a pochi passi da entrambi), il Raffaello è una struttura completamente rinnovata e moderna. Elegante e raffinata, particolarmente adatta a soggiorni per esigenze lavorative durante tutto l'anno ma che, nel periodo estivo, accoglie turisti da tutto il mondo.

Incastonato nella struttura si trova il Ristorante Mooka, al servizio dei clienti dell'Hotel e soprattutto una delle eccellenze senigalliesi della ristorazione per i clienti esterni.

Appena aperto, nel 2019, in occasione del mio 50° compleanno, ho avuto il piacere di passare una bellissima serata al Mooka come vi ho già raccontato qui. Nel tempo qualcosa è cambiato, come per esempio la spettacolare terrazza che si affaccia sui giardini Morandi. Ho trovato comunque lo stesso calore che mi ha fatto sentire molto a mio agio, in un ambiente chic ma senza troppi cliché'.

La sensazione è stata esattamente questa: come essere a casa propria nel salone apparecchiato per eventi speciali, e farsi cucinare da uno chef di altissimo livello. Lo spirito del Mooka è questo. Piatti ricercati ma non troppo, servizio di classe e location di livello, respirando un’aria di calda accoglienza e semplicità.

Ma andiamo al dunque: ho iniziato con un entrée di gamberoni fritti in pasta fillo (fuori menù degustazione). Nell'attesa intanto mi sono gustato due cestini di trancetti di “porno”focaccia stra buona fatta in casa (quella irresistibile che ti potrebbe rovinare la cena, ma in questo caso valeva assolutamente il rischio!) fino all'arrivo dei calamaretti spadellati al pane aromatico su crema di patate e porri: la crema, ragazzi, fuori di testa da quanto era deliziosa.

Il vino servito dal super professionale Vincenzo che mi ha fatto sentire coccolato come fossi la sua fidanzata, un ottimo Verdicchio di Stefano Antonucci, molto adatto ai piatti del menù.

Il primo piatto, secondo me, il pezzo forte di questa degustazione: Chitarrine al farro con Astice e burrata: una bomba!

Sinceramente dopo le chitarrine decisamente abbondanti, ero già pieno ma, con spirito di sacrificio e abnegazione, solo per voi, ho provato il filetto di Rombo in mantello di zucchine, capperi e pomodorini confit e non me ne sono pentito affatto.

Il dolce fortunatamente molto delicato ha concluso il menù: una Kataifi alle mele e cannella su crema inglese all'amaretto: la crema inglese all'amaretto è fotonica!

In conclusione, il Mooka è , a mio avviso, un posto che visto dal di fuori può portare a pensare, data la sua eleganza, che sia un ristorante “caro” ma vi assicuro che è tutto il contrario. A parte questo menù degustazione che costa 50 euro (vino compreso), che secondo me sono anche un pelo sotto il prezzo “di mercato”, ho dato un occhio alla “carta” e vi posso garantire che i prezzi sono nella media anzi, per una realtà come Senigallia - che sappiamo essere una città dove la ristorazione eccelle sì, ma qualche volta a prezzi altini - il Mooka ha una caratteristica fondamentale: si mangia bene e si spende il giusto… e diciamocelo, se ci porti la fidanzata ci fai una gran bella figura potendo, tra l'altro, usufruire dell'offerta Cena + SPA (al 5° piano con vista mozzafiato sul mare e sulla città) ad un prezzo vantaggioso.

Voglio ringraziare Arianna che mi ha dato la possibilità di fare questa bella esperienza e soprattutto lo Chef Cristiano Cacciamani, il sous chef Gianmarco Agri e Maryna dello staff per la grande professionalità e di nuovo Vincenzo che in sala è una presenza delicata e puntuale.








Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 28-11-2022 alle 23:59 sul giornale del 30 novembre 2022 - 1610 letture

In questo articolo si parla di attualità, pubbliredazionale, Maurizio Lodico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dFnT





logoEV
logoEV
qrcode