contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Condannato per avre truffato aziende fornitrici di prodotti alimentari con società clonate. Arrestato dalla Squadra Mobile di Ancona

4' di lettura
152

arresto polizia

Il gruppo criminale clonava Società per Azioni nel settore alimentare, acquisendo fraudolentemente merce che poi veniva riciclata nella grande distribuzione.

Nell’attività di ricerca e cattura di soggetti destinatari di provvedimenti restrittivi, diretto a rendere più efficace l’azione repressiva svolta dalle Forze di Polizia anche sotto il profilo dell’esecuzione dei provvedimenti di condanna, i poliziotti della Questura, Squadra Mobile, Sezione Criminalità Organizzata e Catturandi, nella tarda serata di ieri, hanno rintracciato ed arrestato, in una località abruzzese della provincia chietina, con la collaborazione dei poliziotti di Lanciano, un cittadino italiano di 55 anni, di origini settentrionali, pluripregiudicato, già ricercato dalla Squadra Mobile dorica, per scontare una condanna definitiva di quasi 6 anni di carcere, con la pena accessoria dell’interdizione dai Pubblici Uffici.

La pena comminata è da ricondurre ad un provvedimento di Ordine di Esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura presso il Tribunale Ordinario di Ascoli Piceno, successivamente alla decisione della Corte di Appello di Ancona, per fatti commessi nella provincia Ascolana e riconducibili fino al 2018, nell’ambito dei reati contro la persona.

L’arrestato era noto agli investigatori per i reati commessi, negli anni 2013-2016, prevalentemente nei territori delle Marche ma anche in quelli del vicino Abruzzo e di altre regioni del centro/nord, in particolare Emilia-Romagna e Lombardia. All’epoca dei fatti, il cittadino del nord-Italia, faceva parte di uno strutturato sodalizio criminale, dedito alla consumazione seriale di truffe commerciali nonché di un’associazione per delinquere, finalizzata al compimento di truffe commerciali, rea anche di falsificazione di atti, di concorso in truffa aggravata e di riciclaggio.

Le indagini, al tempo condotte, consentirono di accertare che il gruppo criminale clonava Società per Azioni nel settore alimentare, acquisendo fraudolentemente merce che poi veniva riciclata nella grande distribuzione. A tutti gli indagati è stata già inflitta in primo grado, la condanna per l’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe in danno di aziende sia italiane che estere operanti nel settore alimentare, di prodotti ittici congelati e dell’informatica.

Le investigazioni riconosciute in sede di primo giudizio, nel 2020, ed in attesa di quello di appello consentirono di scoprire come alcuni soggetti arrivassero alla merce da riciclare. Tutto attraverso numerose intercettazioni telefoniche ed ambientali nonché servizi di osservazione e controlli in diverse regioni italiane, da decine di denunce presentate dalle parti lese, dalle numerose dichiarazioni di persone informate sui fatti, permettendo di operare numerosi arresti in flagranza e sequestri. Il gruppo criminale disponeva di magazzini, uffici, aziende compiacenti o appositamente costituite mediante dei prestanomi, logistiche attrezzate con celle frigorifere, furgoni, schede telefoniche e indirizzi telematici artificiosi, ma, soprattutto, di un elevato grado di know how e consolidata abilità nell’ideazione, preparazione e realizzazione di reati. Le truffe venivano portate a termine, contattando telefonicamente o con mezzi telematici, le aziende fornitrici mediante la spendita di nomi di società clonate e/o compiacenti. Nella seconda fase, la merce veniva ritirata in appositi magazzini specializzati nella catena del freddo per essere successivamente spedita.

Grazie alle attività info investigative della Sezione Catturandi della Questura di Ancona, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno, dr.ssa cinzia Piccioni, il ricercato è stato rintracciato in Abruzzo, dove si nascondeva da alcuni mesi, dopo essere rientrato dall’Albania, paese in cui aveva iniziato la latitanza. Le indagini esperite hanno acclarato che, una volta ritornato in Italia, il ricercato, sfruttando documenti contraffatti, viveva sotto falsa identità, riuscendo a sottrarsi alla detenzione carceraria.

In occasione del suo rintraccio, il catturando è stato altresì arrestato in flagranza di reato, per il possesso di documenti di identificazioni falsi, poiché oltre al documento di identità italiana è stato trovato in possesso di altri documenti di identità rilasciati dalle Autorità competenti di altro paese comunitario.

Durante la nottata appena trascorsa, i poliziotti della Questura di Ancona, espletate le formalità di rito, hanno condotto l’arrestato presso il carcere di Lanciano, dove altre a scontare la pena definitiva, è stato lasciato a disposizione dell’A.G. competente per il reato contestatogli in flagranza.




arresto polizia

Questo è un articolo pubblicato il 04-01-2023 alle 16:44 sul giornale del 05 gennaio 2023 - 152 letture






qrcode