contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Natale con rissa a bottigliate, ritrovo di pregiudicati e numerose irregolarità negli anni. Locale del Piano chiuso per 15 giorni

4' di lettura
464

La Polizia locale, la scorsa estate, aveva sanzionato la titolare del locale, una cittadina nigeriana di 58 anni, perché la stessa non risultava in possesso della licenza prescritta per la vendita di bevande alcoliche. La titolare dell’esercizio è stata nuovamente multata con una sanzione amministrativa di 5 mila euro

Nella mattinata odierna, personale della Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Questura, unitamente a quello dell’Ufficio Commercio della Polizia locale di Ancona, ha eseguito la chiusura di un esercizio di vicinato sito nel quartiere di San Lazzaro. Il provvedimento, a firma del sig. Questore di Ancona, è maturato anche di seguito alle risultanze dei numerosi e pianificati servizi denominati “Alto impatto”, effettuati su indicazione del Prefetto in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

In particolare, lo scorso Natale una Volante ha effettuato l’ennesimo intervento presso il locale in questione, intorno alle 21, a seguito di alcune chiamate al numero di emergenza 112 NUE in quanto erano stati segnalati numerosi individui che, all’esterno del suddetto esercizio commerciale, visibilmente ubriachi, partecipavano ad una rissa, armati di bottiglie. All’atto dell’intervento il personale di Polizia notava un gruppo di soggetti, in corrispondenza dell’ingresso dell’attività commerciale, che si davano a repentina fuga facendo perdere le proprie tracce.

Effettuato un accesso all’esercizio commerciale, apparentemente chiuso, gli operatori sorprendevano, nel retro del locale, altri quattro soggetti dediti al consumo di bevande alcoliche i quali, alla vista degli operatori di Polizia, si dileguavano rapidamente. Alcune settimana prima, due Volanti avevano identificato sei avventori del locale, di cui tre risultavano pregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, evasione e minaccia a pubblico ufficiale. Lo stesso era avvenuto nel febbraio del 2021 e nell’estate del 2020, di seguito a mirati controlli effettuati dalla Polizia amministrativa della Questura e dalla Squadra Mobile.

Inoltre la Polizia locale, la scorsa estate, aveva sanzionato la titolare del locale, una cittadina nigeriana di 58 anni, perché la stessa non risultava in possesso della licenza prescritta per la vendita di bevande alcoliche, in quanto non aveva mai presentato alcuna denuncia di avvenuta attivazione di esercizio di vendita di prodotto alcolici assoggettati ad accisa per il rilascio della licenza di esercizio, aveva esposto in vendita bevande ed altre merci senza indicarne in alcun modo, il prezzo di vendita e non esponeva infine, all’interno del locale, in posizione visibile, cartelli indicanti il divieto di fumo, e rispondenti alla norma con l’indicazione della sanzione comminata al trasgressore.

Infine, nel settembre del 2019 , a seguito di un controllo del Comando NAS di Ancona, e del Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti dell'ASUR Area Vasta 2 di Ancona, la titolare del locale era stata sanzionata perché deteneva merce, nell’occorso sequestrata (circa 25 kg di carne bovina e prodotti ittici congelati) nonostante fosse sprovvista di dati ed informazioni utili alla rintracciabilità.

Il Questore di Ancona, alla luce di tali gravi e ripetuti fatti, ha valutato come negli ultimi anni l’esercizio di vicinato in questione fosse divenuto ritrovo abituale di persone moleste e pregiudicate (anche per gravi reati), mettendo a repentaglio l’ordine e la sicurezza pubblica, nonché come la titolare del locale avesse ripetutamente violato le norme specifiche di settore, per cui ne ha ordinato la chiusura per 15 giorni.

All’atto della notifica del provvedimento, con apposizione del cartello di sospensione dell’attività, i poliziotti della Polizia amministrativa della Questura e gli agenti della Polizia locale di Ancona hanno constatato nel locale in questione la presenza di circa sei avventori che stavano consumando cibi e bevendo birre, nonostante l’esercizio di vicinato consenta solo la vendita di prodotti e non autorizzi la somministrazione di alimenti e bevande. Per tale motivo la titolare dell’esercizio è stata nuovamente multata con una sanzione amministrativa di 5 mila euro.

La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale nel corso del 2022 ha eseguito in totale 13 provvedimenti ex art.100 TULPS a firma del Questore di Ancona, Cesare Capocasa.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un articolo pubblicato il 05-01-2023 alle 17:01 sul giornale del 06 gennaio 2023 - 464 letture






qrcode