contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Operazione Alto Impatto: Irregolarità in panificio del Piano, sanzioni per 8 mila euro

2' di lettura
344

Tra le irregolarità veniva constatato come gli attrezzi per la panificazione, dentro la cella frigo, si presentavano alquanto sporchi. Il totale delle sanzioni amministrative contestate ammonta a oltre ottomila euro

Continuano i servizi, nell’ambito dell’operazione “Alto impatto” presso il quartiere del Piano, coordinata dal Questore di Ancona Cesare Capocasa, su indicazione del Prefetto in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, con la partecipazione, tra gli altri, di personale della Divisione di Polizia Amministrativa e della Polizia locale, Ufficio commercio. Nello specifico, nel pomeriggio di ieri è stato effettuato un servizio congiunto interforze finalizzato al controllo amministrativo di locali ed esercizi pubblici.

Gli agenti operanti in particolare hanno ispezionato un panificio. All’esito dei controlli il gestore del locale, H.S., 22 anni, è stato contravvenzionato per una serie consistente di violazioni amministrative.

Il pane non era stato infatti separato per tipologie, come prevede la normativa di settore, ma non erano affissi i cartelli degli orari di apertura e chiusura dell’esercizio commerciale; la bilancia per pesare i prodotti non era timbrata; il locale non aveva la dotazione di zanzariere e tende; non erano indicati i prezzi della merce lavorata ed esposta al bancone; non era stato compilato il modello haccp.

È stata inoltre contestata la circostanza che gli attrezzi per la panificazione, dentro la cella frigo, si presentavano alquanto sporchi. Il totale delle sanzioni amministrative contestate ammonta a oltre 8 mila euro. Il titolare è stato infine diffidato ad esporre, dato che non lo aveva fatto, gli allergeni nelle etichette dei prodotti lavorati, e di apporre la traduzione di altri prodotti posti sugli scaffali del panificio.

Il Questore di Ancona: “ la sicurezza degli esercizi commerciali è una priorità per le Forze dell’Ordine. Dobbiamo garantire ai cittadini, per quanto possibile e nell’ambito delle nostre competenze, di accedere ad esercizi che rispettino le norme di igiene, sicurezza e le normative specifiche in materia”.




Questo è un articolo pubblicato il 27-01-2023 alle 14:00 sul giornale del 28 gennaio 2023 - 344 letture






qrcode