contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Perseguitata dall'ex moglie e l'ex suocera del compagno, interviene il Questore di Ancona

2' di lettura
316

Madre e figlia avevano iniziato a molestare pesantemente, con minacce, messaggi, appostamenti, l’attuale compagna dell’ex marito, nonostante questa fosse anche in stato di gravidanza

Ancora due ammonimenti per condotte persecutorie, firmati dal Questore Capocasa, su istruttoria della Divisione Anticrimine, notificati nei giorni scorsi a due donne, residenti nel capoluogo anconetano.

Il provvedimento si è reso necessario in quanto le Donne, rispettivamente l’ex moglie e la di lei madre, hanno cominciato a molestare pesantemente, con minacce, messaggi, appostamenti, l’attuale compagna dell’ex marito di una delle due, attualmente anche in stato di gravidanza.

Il continuo perdurare di questi comportamenti ha indotto la Donna, anch’essa residente nel capoluogo, a rivolgersi alle forze dell’ordine per ottenere un provvedimento di cessazione delle condotte di stalking, che l’avevano fortemente provata, costringendola a cambiare abitudini e a temere per la sua incolumità e quella del figlio che porta in grembo.

Al termine dell’attività istruttoria, il Questore di Ancona, dr. Cesare Capocasa, ha emesso i provvedimenti di Ammonimento ex art. 8 della Lex n.38/2009, intimando alle donne di interrompere ogni tipo di contatto e condotta lesiva contro la richiedente.

La misura di prevenzione, nota come “Ammonimento del Questore”, costituisce un efficace deterrente volto a contrastare il fenomeno dello stalking, prima che degeneri e si concretizzi in azioni aggressive, sia di tipo fisico che di tipo psicologico.

Si rammenta che, come pure viene esplicitamente comunicato al destinatario della misura all’atto della notifica, qualora un soggetto già ammonito continui a vessare la parte lesa, la condotta diventa perseguibile dall’Ufficio di Polizia, senza che occorra una specifica querela della vittima.

Per questo motivo la Polizia di Stato, da sempre presente accanto alle vittime, ricorda alle stesse che è possibile rompere la catena dei soprusi, della limitazione della libertà individuale, della sopraffazione psicologica, semplicemente chiedendo aiuto.

Il Questore di Ancona: “ “Esserci sempre” è soprattutto intervenire prima che le situazioni degenerino. In un momento storico in cui la violenza di genere costituisce senz’altro un’emergenza sociale è nostro obbligo, come Polizia di Stato, Forze dell’Ordine, Magistratura, Associazioni di Volontariato e di Categoria, Amministrazioni locali, fare rete per accogliere tutti i soggetti rientranti nelle c.d. “Vittime vulnerabili”, come appunto una donna in stato di gravidanza, che necessitano del nostro aiuto e la nostra presenza: Donne, Anziani e Minori. Non voltiamoci dall’altra, ma tendiamo una mano a chi sappiamo, sentiamo o vediamo in difficoltà.”


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-02-2023 alle 15:19 sul giornale del 10 febbraio 2023 - 316 letture






qrcode