contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA >
articolo

Pavimentazioni: quali sono le migliori e quali scegliere per casa tua

3' di lettura
40

Attualmente esistono diverse tipologie di pavimentazioni. Ci sono quelle classiche con le piastrelle, altre con il gres, troviamo il parquet e poi anche la resina oppure i lastroni di micro cemento. Insomma la scelta alquanto ampia, ma alla fine ci si deve occupare di un unico problema: la Posa in opera pavimento

Il pavimento è la zona più grande da costruire in un qualsiasi ambiente. Come mai è tanto importante? La superfice calpestabile diventa quella parte in cui è normale che ci sia una percorrenza giornaliera. Alla fine in un ambiente chiuso, in un qualsiasi locale, esso rappresenta comunque una zona su cui poggiare arredi, su cui camminare e ha perfino una funzionalità a livello estetico.

Infatti il pavimento è la parte più grande a livello strutturale di qualsiasi abitazione. Quando esso è vuoto andiamo a vedere immediatamente sia il pavimento che le maioliche alle pareti.

Attualmente esistono diverse tipologie di pavimentazioni. Ci sono quelle classiche con le piastrelle, altre con il gres, troviamo il parquet e poi anche la resina oppure i lastroni di micro cemento. Insomma la scelta alquanto ampia, ma alla fine ci si deve occupare di un unico problema: la Posa in opera pavimento.

Ci sono dei professionisti che operano nel settore. Il piastrellista è una figura altamente specializzata perché non è che tutti i “muratori” possono fare tale lavoro. Infatti è occorre avere una buona esperienza nel settore.

POSARE IL PAVIMENTO DA ZERO

Si deve costruire un pavimento da zero? Allora la prima cosa da fare è quella di costruire il massetto che andrà ad accogliere poi la malta superiore. Il massetto si costruisce con cemento e con una “gabbia” in legno oppure in ferro. In base a quali sono le caratteristiche della progettazione sarà possibile fare degli interventi specifici.

Una volta effettuato il massetto si andrà a posizionare la malta. Quest’ultima è quella su cui si poggiano, a loro volta, le piastrelle. Quest’ultime vengono poi separate con dei divisoti in modo da creare le fughe. La fuga è la parte che permette di far asciugare rapidamente l’intera malata. Una sorta di piccola presa d’aria. Ecco come mai diventa tanto importante nelle pavimentazioni.

Grazie alla loro presenza di ha una velocizzazione dell’asciugatura. A questo punto è palese che la messa in posa deve avvenire con dei professionisti che siano in grado di valutare il lavoro. Inoltre la metratura deve venire ricoperta interamente dalle piastrelle. Per farlo diventa necessario fare tagliare a misura le eventuali piastrelle in modo da ricoprire interamente la superfice interessata.

Rifare un pavimento esistente

Il pavimento che è già esistente, per essere rifatto, deve venire demolito nella parte interna. Il massetto si deve quindi sbriciolare e ricostruire prima di fare una seconda messa in posa delle piastrelle. C’è da dire che è possibile usare o avere altre tipologie di pavimentazioni. Per esempio l’uso della resina è oggi molto di moda, più pratico e veloce da eseguire. Si potrebbe anche utilizzare il parquet. Naturalmente in base a quali sono le caratteristiche strutturali dell’abitazione si potrà avere un pavimento nuovo, ma adatto.

Dunque è preferibile che ci sia comunque un sostegno informativo da parte di eventuali ditte edili. Esse sono sicuramente quelle più adatte a dare dei consigli, sia per eventuali agevolazioni che poi per i lavori che si debbono fare. Ad ogni modo le soluzioni di nuovi pavimenti sono tante e diverse.



Questo è un articolo pubblicato il 20-03-2023 alle 12:05 sul giornale del 18 marzo 2023 - 40 letture



qrcode