contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Falconara e Palombina: Spiagge contaminate, i Carabinieri del NOE indagano sulla gestione degli scolmatori

3' di lettura
396

Le indagini al contrario hanno portato a ritenere che possa essere stato fatto un uso difforme degli scolmatori, che sarebbero risultati attivi anche in assenza di piogge. Impianti sequestrati e gestione commissariata. Viva Servizi: "fiduciosi sul fatto che verrà accertata la totale assenza di responsabilità"

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Ancona unitamente a militari della Capitaneria di Porto Guardia Costiera Ancona – Sez.ne Staccata di Falconara M.ma, nei giorni scorsi, hanno notificato il decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ancona nell’ambito del procedimento riguardo l' “impianto di depurazione di Falconara M.ma e relativa linea fognaria di costa ricompresa nel tratto Ancona Palombina nord – Falconara, con annesse infrastrutture d’emergenza e non, ovvero 12 scolmatori, stazioni di sollevamento, presenti lungo i litorali“.

Agli indagati sono contestati i reati di inquinamento ambientale e scarico di reflui non autorizzati.

Le indagini coordinate dalla Procura dorica, sono scaturite a seguito della segnalazione giunta all’ ufficio della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Falconara giovedì 23 marzo, quando fu riscontrata la presenza di schiuma e acqua torbida presso il punto di scarico a mare del fosso Rigatta in Falconara. La segnalazione innescava le conseguenti attività di accertamento, i cui approfondimenti consentivano di ipotizzare un quadro di non curanza gestionale degli scolmatori posti lungo la linea di costa di Falconara e Ancona nord – Palombina, i quali peraltro risulterebbero anche non autorizzati.

Gli scolmatori altro non sono che presidi di emergenza la cui attivazione avverrebbe in concomitanza di forti precipitazioni, quando i reflui fognari diluiti dalle acque meteoriche si riversano – in questo caso - sulla spiaggia anconetana e falconarese. Le indagini al contrario hanno portato a ritenere che possa essere stato fatto un uso difforme degli scolmatori, che sarebbero risultati attivi anche in assenza di piogge.

Inoltre le analisi tecniche e le relative valutazioni affidate a consulenti esperti, eseguite sia sui reflui fognari in uscita dagli scolmatori stessi che sul suolo (spiaggia) dove essi recapitano, hanno portato gli inquirenti ad ipotizzare uno stato di diffusa contaminazione che potrebbe acquisire caratteristiche di persistenza.

Si sono riscontrate criticità di tipo chimico e microbiologico (escherichia coli e spore clostridi solfito-riduttori) con valori superiori ai limiti, con presenza tra l’altro di idrocarburi - in alcuni casi in concentrazioni superiori al limite consentito dalla normativa di settore - oltre ad altre sostanze pericolose di cui è vietato lo scarico sul suolo.

Le conseguenze di tali condotte, hanno riguardato anche la fauna ittica, ovvero i molluschi bivalvi presenti negli specchi d’acqua corrispondenti, le cui analisi hanno palesato valori fuori limite in quanto contaminati da escherichia coli con conseguente divieto di raccolta/pesca.

La gestione degli impianti sottoposti a sequestro verrà affidata ad un amministratore giudiziario, allo scopo di apportare gli adeguati interventi tecnici.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagine preliminare, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

LA DICHIARAZIONE DI VIVA SERVIZI

L'azienda Viva Servizi ha fatto sapere tramite comunicato stampa che: “In riferimento al sequestro cautelativo del depuratore di Falconara e della condotta fognaria afferente, l’azienda Viva Servizi SpA comunica di essere pienamente fiduciosa sul fatto che verrà accertata la totale assenza di responsabilità, come del resto sta già avvenendo per l’analogo procedimento in corso relativo alla medesima fattispecie degli sversamenti a mare”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un articolo pubblicato il 27-03-2023 alle 14:34 sul giornale del 28 marzo 2023 - 396 letture






qrcode