contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Il baby rapinatore è recidivo, condannato a 2 anni e 6 mesi in un carcere minorile

2' di lettura
220

Foto di repertorio

Prima un aggressione nei bagni di Piazza Roma per rubare lo zaino ad un coetaneo, poi un furto in spiaggia a Portonovo. Così si aprono le porte del carcere minorile per un minorenne anconetano che dovrà scontare 2 anni e 6 mesi nel

Un giovane di 17 anni, riconosciuto colpevole di rapina aggravata e reato di lesioni personali, è stato arrestato ieri dal personale della Polizia di Stato della Questura di Ancona. Il reato risale a settembre del 2021, quando in concorso con un altro giovane, aveva aggredito un coetaneo nei bagni pubblici di piazza Roma, prendendolo per il collo e sferrandogli una ginocchiata allo sterno che gli faceva perdere il fiato, per poi sottrargli lo zaino e fuggire via.

Nel corso dell'anno scorso, il minorenne era stato condannato dal Tribunale per i Minorenni delle Marche e aveva ottenuto l'affidamento ai servizi sociali. Tuttavia, il beneficio gli è stato revocato a causa del suo comportamento non conforme alle disposizioni della sentenza. Il 16 luglio scorso, in concorso con un altro soggetto, si è reso responsabile di un furto aggravato ai danni di un coetaneo, sottraendo portafogli e smartphone mentre il ragazzo era a fare il bagno a mare a Portonovo, nota località turistica.

Il personale della Polizia di Stato è intervenuto prontamente, individuando e arrestando i responsabili e recuperando il maltolto, che è stato restituito ai genitori della vittima. Entrambi i responsabili sono stati deferiti ai sensi del codice penale in concorso tra loro.

Il giovane, che in passato aveva già subito un provvedimento di Divieto di Accesso per il centro di Ancona, è stato sottoposto a un nuovo provvedimento dal Questore di Ancona: un divieto di accesso a via del Poggio, località Portonovo, con divieto di accedere e sostare in prossimità dei locali pubblici e di pubblico intrattenimento, compresi gli stabilimenti balneari situati nella zona, per un anno.

Nelle prime ore della mattinata di ieri, gli agenti della Questura dorica hanno rintracciato il giovane in un'abitazione di Ancona e lo hanno condotto presso l'istituto di pena minorile di Bari per scontare la pena di 2 anni, 6 mesi e 16 giorni di reclusione.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Foto di repertorio

Questo è un articolo pubblicato il 02-08-2023 alle 13:51 sul giornale del 03 agosto 2023 - 220 letture






qrcode