contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Fermato dalla Polizia provoca gli agenti: "Mi sono iniettato cocaina in vena e ora sono dio. Non ho paura di nessuno"

2' di lettura
1852

Polizia

Nella serata di sabato, alle ore 20.30 circa, gli operatori della Polizia di Stato si portavano in via XXV Aprile, in quanto era stato segnalato un soggetto in stato di agitazione che inveiva, senza motivo apparente, contro i passanti, cercando di fermare i veicoli in transito, posizionandosi improvvisamente sulla carreggiata

L'uomo, apparentemente senza motivo, stava sfogando la sua frustrazione nei confronti dei passanti, cercando addirittura di fermare i veicoli in transito mettendo a rischio la propria e la sicurezza altrui.

La situazione è degenerata quando gli agenti lo hanno raggiunto presso via Rodi. Si trattava di un italiano di circa 50 anni, chiaramente visibilmente alterato e nervoso. Gli agenti hanno chiesto all'uomo di spostarsi sul margine destro della carreggiata per la sicurezza di tutti. Hanno anche richiesto la sua identificazione, ma la reazione dell'uomo è stata sorprendentemente aggressiva.

Senza apparente motivo, l'uomo ha estratto il suo documento di identità e lo ha lanciato verso uno degli agenti di polizia. Successivamente, ha gettato anche la sua tessera sanitaria e il telefono cellulare nello stesso modo. Nonostante gli sforzi degli agenti per calmare la situazione, l'uomo è diventato sempre più ostile e ha urlato di essere "Dio" e di non avere paura di nessuno. Questo, spiegava il 50enne grazie alla dose di cocaina, che l'uomo si sarebbe iniettato poco prima in vena.

La situazione è diventata ancora più critica quando l'uomo ha iniziato a spintonare uno degli agenti e minacciarli, affermando di essere disposto a lottare con loro. Gli agenti hanno cercato di persuaderlo a smettere, ma l'uomo ha continuato a urlare e a minacciare chiunque si trovasse nei paraggi, incluso chi stava frequentando un bar vicino.

Data l'incapacità di stabilire una comunicazione verbale con il soggetto e la sua evidente alterazione, gli agenti hanno chiesto l'intervento di personale medico specializzato. Nel frattempo, l'uomo è stato condotto presso gli uffici di via Gervasoni per garantire la sua sicurezza e quella degli altri cittadini. In seguito è stato trasportato all'ospedale Torrette, dove la sua agitazione e le minacce non si sono fermate nemmeno di fronte al personale medico.

Il 50enne è stato denunciato per i reati di resista e oltraggio a pubblico ufficiale.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Polizia

Questo è un articolo pubblicato il 06-08-2023 alle 18:03 sul giornale del 07 agosto 2023 - 1852 letture






qrcode