contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
comunicato stampa

Festival Adriatico Mediterraneo: Il tarantismo elettronico dei Kalàscima travolge la Mole

3' di lettura
54

La band salentina regala energia e vibrazioni al pubblico del Festival Adriatico Mediterraneo. Molto partecipati i confronti di approfondimento pomeridiani. Suggestiva l’esibizione all’alba di Riccardo Tesi. Questa sera (1 settembre), la Compania Arte Y Flamenco

Il Salento è sbarcato alla Mole Vanvitelliana. Travolgente ieri sera (31 agosto) l’esibizione dei Kalàscima, band pugliese che miscela tradizione e innovazione, tarantismo ed elettronica. Tantissimi spettatori, molti dei quali in piedi a ballare al ritmo “isterico” ed energico del gruppo. Questa sera, sempre nello scenario mozzafiato della Corte della Mole, sarà il turno della Compania Arte Y Flamenco (ore 21.15), che trascinerà il pubblico con sensualità e passione fin dentro le atmosfere andaluse. Un’altra esibizione da non perdere di questa partecipatissima edizione del Festival Adriatico Mediterraneo, in scena da mercoledì scorso a domenica 3 settembre ad Ancona.

Non solo musica, come tradizione, all’interno della kermesse ideata dal direttore artistico Giovanni Seneca e dal suo competente staff. Molte presenze, ieri pomeriggio (31 agosto) anche agli incontri culturali che caratterizzano da sempre il Festival. In Sala Boxe della Mole, il giornalista Marco Ansaldo, consigliere scientifico di Limes, si è confrontato con il docente universitario Silvio Ferrari, il più autorevole conoscitore italiano di letteratura croata, sul tema “Da Matvejevic a Modric. Una vita con la Croazia”. A seguire, in Sala Polveri, la professoressa Mara Tirelli ha riflettuto assieme al fisico Lucio Russo sul fatto che la scienza moderna abbia continuato per diversi secoli ad attingere idee fondamentali dall’antica scienza greca.

Due i dibattiti in programma oggi pomeriggio (1 settembre). “I rischi dell'Adriatico. Come salvare le coste e le spiagge che amiamo”, in cui Marco Ansaldo, dialogherà con Alfonso Scarpato (ricercatore ISPRA) e Gian Marco Luna (direttore CNR-IRBIM) sul presente e sul futuro del nostro mare, indicando alcune possibili rotte da intraprendere per salvaguardarne la biodiversità (Sala Boxe della Mole, ore 17.30). Successivamente, la professoressa Mara Tirelli incontrerà il professore Marco Bettalli, insegnante di storia greca all’Università di Siena, per discutere attorno al tema “Guerre antiche e moderne” (Sala Polveri, ore 18.30).

Spazio quindi alla musica, a partire dalle ore 21.15 alla Mole, con la Compania Arte Y Flamenco (ingresso 10 euro), uno spettacolo ispirato ai tradizionali tablaos andalusi, locali intimi e raccolti dove è possibile rappresentare questa ammaliante forma d’arte in una modalità semplice e diretta, affinché il pubblico, che respira a stretto contatto con gli artisti, possa rivivere e riassaporare le forme più genuine e autentiche del flamenco. La giornata odierna (1 settembre) si è aperta con il concerto all’alba dalla Terrazza Eventi Unicorn del Passetto di Riccardo Tesi che, con il suo organetto conosciuto praticamente ovunque, ha dolcemente affiancato l’ascesa del sole dall’Adriatico.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito, ad eccezione dei concerti serali alla Corte della Mole Vanvitelliana (ingresso 10 euro). Sold out i concerti all’alba (in caso di assenza, si prega di effettuare la cancellazione per permettere ad altri di partecipare). Dal 30 agosto al 3 settembre, dalle 17 alle 20.30 nella Sala Boxe della Mole Vanvitelliana è anche possibile visitare la mostra “Writing in the sand” di Patricia Barcala Dominguez (ingresso gratuito).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-09-2023 alle 12:40 sul giornale del 02 settembre 2023 - 54 letture






qrcode