contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Picchia con un bastone la moglie incinta davanti alla figlia minore, divieto di avvicinamento per un 43enne

2' di lettura
310

violenza sulle donne

I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e al divieto di avvicinamento alla moglie ed alla figlia, un uomo di anni 43, indagato per maltrattamenti e lesioni commessi ai danni del coniuge.

La vicenda giudiziaria trae origine da quando la donna, i primi di febbraio, in evidente stato di gravidanza e con una bambina in braccio, veniva notata da una pattuglia mentre camminava lungo la strada statale in stato di agitazione e di difficoltà. A seguito dell’intervento sul posto anche del personale del 118 per gli accertamenti sanitari del caso, la donna veniva trasportata all’ospedale Salesi dove raccontava di essere stata picchiata dal marito anche con l’utilizzo di un bastone e davanti alla figlia minore.

Di seguito alla doverosa segnalazione fatta dai sanitari all’Autorità Giudiziaria, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona delegava la Squadra Mobile per gli accertamenti e gli approfondimenti del caso. Da quanto emerso durante la fase investigativa, l’uomo avrebbe sottoposto la donna ad una serie di abituali condotte di maltrattamenti, consistenti in violente aggressioni fisiche, nel corso delle quali avrebbe colpito la vittima alla testa, alla schiena e agli arti superiori avvalendosi anche di un bastone, provocandole lesioni personali. Il tutto aggravato anche dallo stato di gravidanza e dalla presenza della figlia minore.

All’esito dell’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile, il Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta della Procura della Repubblica di Ancona, disponeva a carico dell’indagato la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla donna e alla figlia ad una distanza non inferiore a m.500, con divieto di comunicare con moglie e figlia con ogni mezzo, nonché con l’applicazione del braccialetto elettronico. Il personale della Polizia ha raggiunto l’indagato nel suo luogo di dimora e, dopo le formalità di rito avvenute negli uffici della Questura, gli ha notificato la misura cautelare.

Il provvedimento eseguito, costituisce misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui è ammesso mezzo di impugnazione e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


violenza sulle donne

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2024 alle 10:19 sul giornale del 19 febbraio 2024 - 310 letture






qrcode