contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA >
articolo

Operazione chirurgica di otoplastica

3' di lettura
14

Orecchie a sventola, piccole, con lobi cascanti o allungati, orecchio più grande dell’altro oppure uno che aderisce al capo e l’altro più esterno!

Gli inestetismi delle orecchie possono sembrare di poco conto, ma solo a chi non ne soffre. Le donne che non amano le proprie orecchie, perché le trovano brutte oppure perché sono a “sventala”, cioè con il padiglione che è grande ed è rivolto verso l’esterno, cercano di coprirle con i capelli lunghi. Solo che ciò non le nasconde del tutto. Per gli uomini invece si ha un inestetismo evidente che però si può eliminare del tutto.

I trattamenti di bellezza si interessano di tutto il nostro corpo concentrandosi sul viso e in modo particolare su quelle parti che sono più esposte. Le orecchie, vuoi o non vuoi, caratterizzano il nostro volto perché comunque riescono a formare una linea che si congiunge all’ovale.

Esiste il filler per i lobi cascanti oppure interventi chirurgici di modellazione e di riduzione dei padiglioni fino ad arrivare appunto ad interventi che sono per farle aderire al capo.

Ovviamente tutti gli interventi si debbono studiare in base all’inestetismo che si possiede. Una ricostruzione del padiglione o un semplice rimodellamento richiedono interventi diversi che non obbligatoriamente debbono essere chirurgici.

COSA NON FARE DOPO L’OTOPLASTICA

Un Intervento di otoplastica chirurgico indica un’operazione che avviene con l’incisione e la ricostruzione del padiglione esterno. il chirurgo incide la pelle per arrivare alla cartilagine che viene poi tagliata in base alla forma che si vuole avere. La pelle invece si tira in modo che l’orecchio aderisca al capo. Si asporta, in caso è necessario, la pelle e il tessuto che è in eccedenza sul lobo e che lo fa ricadere a terra o lo rende cascante. Questa operazione dura all’incirca 2 ore.

Non si hanno gravi effetti collaterali. I tempi di guarigione sono veloci, ma è bene rispettare delle regole da seguire. Cosa on fare dopo l’otoplastica? Essendo un intervento con “taglia e cuci” si ha una ferita e una modifica della struttura originale dell’orecchio.

Occorre assumere antidolorifici e antibiotici per evitare che ci sia lo sviluppo di infezioni. I bendaggi debbono essere cambiati almeno una volta ogni 2 giorni per la settimana a seguire. Poi si deve evitare assolutamente l’esposizione al Sole e al freddo intenso per un mese. Evitare di indossare capelli o fasce che comprimono le orecchie poiché ci deve essere un drenaggio naturale.

Costo dell’intervento otoplastica

L’operazione chirurgica di otoplastica costa dalle 900 € alle 1.500 €. Potete chiedere dei preventivi prima di sottoporvi a questa operazione e capire come essa avverrà. Ci sono dei disegni e foto del risultato finale che è permanente.

In caso non volete subire l’operazione potete fare dei trattamenti di filler dove le sedute costano da 200 € a 350 €. Solo che si ha un’iniezione di prodotto che viene assorbito dall’organismo, cioè l’acido ialuronico, dopo meno di 12 mesi. Per inestetismi che sono molto accentuati, il filler non funziona, quindi non è detto che risolviate il problema, ma potete chiedere comunque una consulenza.



Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2024 alle 10:16 sul giornale del 02 marzo 2024 - 14 letture



qrcode