contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Allarme Sicurezza: nessun potenziamento di personale mette a serio rischio i servizi offerti al cittadino

2' di lettura
304

ZERO agenti è questo il dato numerico che prevede il piano ministeriale di assegnazione del personale del ruolo ordinario per gli agenti ed assistenti della Polizia di Stato del prossimo mese di giugno alla questura di Ancona; una vera e propria battuta d’arresto, peraltro inaspettata dopo l’elevazione della questura a Dirigente Generale, che mina fortemente il percorso di crescita e valorizzazione della Sicurezza nel territorio della provincia di Ancona ed andrà ad incidere negativamente sull’attività di prevenzione e sui servizi offerti al cittadino.

Lo afferma Alessandro Bufarini, segretario generale provinciale del Siulp Ancona e membro del Direttivo Nazionale Siulp.

Oltre 2200 agenti verranno distribuiti per potenziare Uffici o Reparti su tutto il territorio nazionale, 1400 nelle sole questure ma nessuno in quella di Ancona; se si aggiunge che nel 2024 andranno in quiescenza, solo in questura, oltre 20 colleghi e 50 in tutta la provincia, quella degli organici rappresenta una situazione molto critica, le cui conseguenze le pagheranno i cittadini in termini di vivibilità e gli stessi poliziotti in termini di diritti, continua Bufarini.

Uno “schiaffo” istituzionale agli sforzi profusi da tutti i colleghi, in ogni settore; oltre all’attività di prevenzione del servizio di controllo del territorio, è a serio rischio la costante attenzione ai reati che destano più allarme sociale come quelli legati al “codice rosso”, collegati alla devianza giovanile, agli anziani, i servizi offerti nelle scuole, all’ospedale, come pure tutte le attività burocratiche relative ai permessi di soggiorno e ai passaporti. A rischio anche le attività info-investigative come squadra mobile e Digos, per non parlare di quelle offerte dalle Specialità della Polizia di Stato come la Polizia Stradale, Postale, Ferroviaria, Frontiera e dal Reparto Mobile di Senigallia e degli Stabilimenti.

Un “regalo” a chi delinque, conclude Bufarini con una provocazione, perché non si può chiedere di più al personale già portato “al limite” tra lavoro e famiglia; con le elezioni politiche alle porte, con l’organizzazione del G7 della Salute dei primi giorni di ottobre, con l’incremento degli eventi e dei servizi anche in relazione dell’avvicinarsi del periodo estivo, oltre alla quotidiana attività istituzionale, servono risorse strutturali ed, invece, la mancata assegnazione di personale da parte del ministero sferra una battuta d’arresto notevole a quel processo di valorizzazione e riorganizzazione del Sistema Sicurezza nel nostro territorio.

Nei prossimi giorni il Siulp riunirà la propria Segreteria per valutare le ulteriori iniziative da intraprendere.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2024 alle 15:08 sul giornale del 23 aprile 2024 - 304 letture






qrcode