contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Fa rientro in Italia nonostante il decreto di espulsione, 26enne arrestato ad Ancona

1' di lettura
82

I poliziotti della Squadra Mobile dorica, nel pomeriggio di ieri (17 maggio), hanno rintracciato e arrestato un cittadino pakistano di 26 anni, per aver fatto rientro nel territorio nazionale senza la prevista autorizzazione del Ministro dell’Interno, nonostante avesse a proprio carico un decreto di espulsione ed un ordine di lasciare il territorio a cui aveva dato seguito.

L’arrestato, infatti, aveva lasciato il territorio nazionale a seguito di Decreto di Espulsione dal Territorio Nazionale emesso dal Prefetto di Bologna in data 21.10.2022.

Dal fotosegnalamento effettuato presso la locale Polizia Scientifica, infatti, è emerso che lo straniero era stato precedentemente fotosegnalato in Germania e in Francia, rispettivamente nel febbraio 2023 e nel marzo 2024, fatto che dimostrava come il cittadino pakistano avesse effettivamente lasciato questo territorio nazionale in esecuzione del precedente decreto di espulsione. Pertanto, lo stesso straniero era di fatto illegittimamente rientrato in Italia senza alcuna autorizzazione del Ministero dell’Interno.

Per tale motivo, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno tratto in arresto l’uomo e, espletate le formalità di rito, l’hanno trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura. All’esito dell’udienza di convalida tenutasi nella mattinata odierna, il GIP presso il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto eseguito dalla Squadra Mobile concedendo il nulla osta all’espulsione dello straniero.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2024 alle 13:00 sul giornale del 20 maggio 2024 - 82 letture






qrcode