contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Italo, il primo okapi nato in Italia, ha lasciato il Parco Zoo Falconara ed è arrivato al Tierpark di Berlino

1' di lettura
644

Italo, il primo okapi nato in Italia, ha lasciato il Parco Zoo Falconara ed è arrivato al Tierpark di Berlino, tra i più grandi zoo d’Europa.

L’esemplare, venuto alla luce il 24 aprile 2022 nella struttura marchigiana, è il primogenito di mamma Elani e papà Dayo e da pochi mesi ha una sorellina, Vittoria. Il Parco Zoo Falconara è l’unico a livello nazionale ad ospitare questi rari mammiferi con l’obiettivo di preservare la specie a rischio di estinzione, inserita nella “Lista rossa” dell’International Union For Conservation of Nature. La struttura, infatti, supporta l’Okapi Conservation Project e partecipa all’EEP, il programma di allevamento europeo per le specie minacciate di estinzione.

Ormai diventato grande, per Italo era arrivato il momento di cambiare casa. Il trasferimento nello zoo tedesco è stato deciso dal coordinatore della specie dell’EEP, esperto conoscitore degli esemplari presenti negli zoo europei. La partenza dell’okapi è avvenuta dopo un lungo periodo di training in preparazione al viaggio nel “crate” che lo ha trasportato nella nuova struttura. Per un mese, infatti, Italo ha preso confidenza con il box posizionato nel giardino del reparto, diventato con il passare delle settimane un ambiente conosciuto. Ad accompagnarlo a Berlino il suo keeper, che resterà con lui al Tierpark per i primi giorni. Il Parco Zoo Falconara ha salutato con grande affetto e un pizzico di tristezza Italo, okapi che ha segnato la storia del giardino zoologico marchigiano.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2024 alle 12:43 sul giornale del 31 maggio 2024 - 644 letture






qrcode