contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Sturani sollecita il ministro Matteoli sull\'autorità portuale

2' di lettura
1257

Il sindaco Fabio Sturani ha inviato questa mattina una lettera al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Senatore Altero Matteoli e, per conoscenza, al presidente della Giunta regionale Gian Mario Spacca, per sollecitare una soluzione veloce della questione della nomina del presidente dell’Autorità portuale di Ancona.

Il sindaco, facendo seguito all’incontro del 7 gennaio, al quale hanno partecipato lo stesso Ministro, la Regione, la Provincia e i Comuni di Ancona e Falconara, ha sottolineato che il rilancio del porto di Ancona “richiede l’assunzione di una governance forte all’interno del sistema dei porti italiani, quale condizione fondamentale per attuare politiche di sviluppo adeguate alle enormi potenzialità ed opportunità che la portualità italiana può conseguire in queste fase di stagnazione e crisi dell’intero sistema economico”.


“Il mandato dell’attuale presidente dell’Ap - ha ricordato Sturani - scadrà il 7 febbraio e non si sono ancora definite le procedure per la nomina del successore. Solamente al fine di una dettagliata informativa giova ricordare che ai sensi dell\'art. 8 c. 1 della L. 84/94 è compito del Ministro proporre alla Regione per l\'intesa prevista uno dei nominativi già designati fin dallo scorso novembre, da parte dei Comuni, Provincia, Regione e Camera di Commercio. Ritengo che una situazione di sostanziale inerzia dopo il 7 febbraio, possa comportare il rischio di una prorogatio dell\'attuale Presidenza e, al 23 marzo, il Commissariamento dell\'Autorità Portuale con gravi riflessi sulle attività decisionale ed operativa dell\'Ente”.


“Confido – ha concluso il primo cittadino - nella Sua disponibilità a voler risolvere celermente la questione, d’intesa con la Regione, coinvolgendo gli Enti locali a partire dalla città capoluogo, al fine di garantire adeguate prospettive di sviluppo al Porto di Ancona”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 30 gennaio 2009 - 1257 letture