contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Duca scommette sui giovani: \'Sono la vera risorsa del nostro tempo\'

3' di lettura
1547

giovani

Il mal tempo costringe a rinviare l’appuntamento dedicato ai giovani ma non cambia le forti scelte che Eugenio Duca ha inserito per loro nel Programma Elettorale e che ha avuto modo di illustrare ugualmente ai candidati Under 30 e ai tantissimi giovani simpatizzanti.

“I giovani, così come i bambini, non sono i cittadini di domani ma , fin da ora cittadini a tutti gli effetti. A loro quindi vanno riconosciute sensibilità, bisogni, istanze ben precise di cui l’Amministrazione deve farsi carico. Dobbiamo investire su di loro per quello che sono oggi e non per quello che diventeranno domani. Per questo non vogliamo più politiche giovanili deboli da punto di vista cuturale e delle risorse che troppo spesso hanno puntato all’organizzazione di eventi fini a se stessi, ma un programma di ricerca e promozione di valori forti e attuali con progetti di qualità condivisa con i tutti gli attori del mondo giovanile.


Vogliamo scegliere un’opzione culturale forte, che coinvolga non solo i giovani ma l’intera comunità attraverso, ad esempio, la realizzazione di Centri di Aggregazione Giovanile frequentati non solo da giovani, ma anche da adulti, anziani, famiglie e bambini aperti da pomeriggio a notte e veri e propri laboratori musicali, espressivi e culturali. Una scelta come questa consente di poter “finanziare” i progetti anche con altri capitoli di bilancio e, soprattutto di generare nuove risorse: i vari servizi producono posti di lavoro e questi spazi giovanili polarizzano energie, passioni ed impegno. L’adesione dei giovani a queste strutture fa da “effetto moltiplicatore” e li incoraggia a diventare cittadini attivi. In termini economici inoltre, direttamente o come indotto si può confermare che per ogni euro investito dalla Pubblica Amministrazione per i giovani, se ne valorizzano almeno due. Intendiamo “ascoltare” e prestare attenzione alle forme di aggregazione giovanile già esistenti: il volontariato, l’associazionismo culturale e sportivo, il fare musica, i centri di aggregazione (oratori, circoli e dopolavori, centri sociali), le forme di espressione giovanile, i nuovi modi di comunicare legati alle nuove tecnologie (le chat, gli sms): l’Amministrazione potrà e dovrà dedicare loro strumenti ed interventi per costruire insieme ai giovani un pezzo nuovo città, per favorire i legami sociali, insegnare ai giovani la partecipazione democratica attraverso le microscuole di democrazia, svolgere promozione culturale e agire sulla prevenzione in una realtà che vede la fascia d’età tra i 16 ed i 25 anni con il più alto numero di consumatori di sostanze illecite, in particolare di quelle che vengono chiamate “nuove droghe”.


L’Amministrazione Comunale deve quindi occuparsi dei giovani scommettendo su di loro e considerandoli come una risorsa, promuovendo la loro partecipazione e il loro protagonismo. Per questo l’Assessorato alle Politiche Giovanili deve essere un punto fermo che si occupa dei giovani, un punto di riferimento per loro ma anche un “punto di vista giovane” per collaborare con gli altri assessorati. Lo strumento di indirizzo che intendiamo seguire è la Nuova Carta Europea di Partecipazione dei Giovani alla Vita Comunale e Regionale e abbiamo intenzione di riservare ai giovani una percentuale del bilancio spese che si allontani dalla media nazionale (0,25%) e si avvicini a quella europea (2,25%)



giovani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-06-2009 alle 16:55 sul giornale del 03 giugno 2009 - 1547 letture