contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Emir Kusturica e il suo cinema al festival adriatico mediterraneo

3' di lettura
1637

Una presenza importantissima per il cinema mondiale è prevista al Festival Adriatico Mediterraneo di Ancona, che ospita fino al 6 settembre una rassegna del grande regista serbo Emir Kusturica, padre della rivoluzione del cinema slavo, protagonista della rassegna Yugonostalgia- Emir Kusturica’s Stories al Teatrino della Mole Vanvitelliana, tutti i giorni alle 16 e alle 23.

Per tutta la durata del festival sarà possibile vedere o rivedere i capolavori del regista, sono già stati proiettati i film Arrivano le spose, Bar Titanic, Ti ricordi di Dolly Bell?, Papà…è in viaggio d’affari e Il tempo dei Gitani. Ancora da vedere Arizona Dream (2 settembre), Underground (3 settembre), Gatto nero, gatto bianco (4 settembre), Super8 Stories e La vita è un miracolo (5 settembre) e la rassegna si chiude con Maradona (6 settembre).


Kusturica sarà protagonista assoluto dell’ultima giornata del festival, domenica 6 settembre, alle 21.30 in Piazza Cavour dove si esibirà in concerto con la No Smoking Band. - La No smoking band è qualcosa di più di un gruppo di rock and roll. È un vero fenomeno che verso la fine degli anni ottanta ha cambiato la scena musicale di Sarajevo e dell’intera Yugoslavia - afferma Emir Kusturica. Il gruppo musicale “No Smoking Orchestra” (Zabranjeno Pusenje in lingua originale) nasce nel 1980 a Sarajevo. Nel 1986 fa ingresso nel gruppo il bassista Emir Kusturica, già noto a Venezia e a Cannes.


Curiosità: sabato 5 settembre, alle 18, presso lo Spazio Incontri della Mole Vanvitelliana, il festival ospiterà Abdulah Sidran, guida e spalla del primo Emir Kusturica (quello di Papà è in viaggio di affari, Ti ricordi di Dolly Bell?) e personalità centrale della letteratura contemporanea che presenterà il suo libro Romanzo Balcanico. È il libro del cinema, del teatro, della poesia di Abdulah Sidran. Ogni testo è accompagnato e introdotto da interviste con l’autore e da un ampio repertorio fotografico: di famiglia, di fotogrammi-cinema, di backstage, di scena teatrale.


All’incontro sarà presente anche Piero Del Giudice, docente di storia e letteratura italiana, critico e storico dell’arte, scrittore e giornalista. Nato in una famiglia musulmana a Sarajevo, Emir Kusturica mostra subito la sua attitudine per il cinema realizzando già al liceo due cortometraggi. Frequenta la celebre accademia cinematografica FAMU Academy of Performing Arts di Praga (studiando con Otakar Vàvra e Jiri Menzel) dove si laurea nel 1977 con il cortometraggio \"Guernica\", che vince un premio al Festival Internazionale del cinema di Karlovy Vary. Dopo alcuni anni trascorsi alla televisione di Stato, debutta nel mondo del cinema nel 1981 con il suo primo film, \"Ti ricordi di Dolly Bell?\", che vince il Leone d\'Oro al Festival di Venezia dello stesso anno.


La sua seconda pellicola, \"Papà è in viaggio d\'affari\" (1985), vince la Palma d\'Oro al Festival di Cannes, cinque premi in patria (una sorta di Oscar jugoslavi), e viene nominata per l\'Oscar come \"miglior film straniero\". Nel 1989, riceve un\'accoglienza ancora migliore per il suo film successivo, \"Il tempo dei gitani\", che offre uno sguardo penetrante e magico all\'interno della cultura gitana e lo sfruttamento dei giovani. All\'inizio della guerra in Bosnia, nel 1992, Kusturica scappa da Sarajevo e si rifugia a Belgrado dove continua a girare film di grande successo, sia dal punto di vista del pubblico che da quello della critica, per tutto il decennio seguente.


Il suo debutto \"americano\" avviene con la commedia surreale \"Arizona Dream\" (1993), al quale segue la \"commedia-nera\" vincitrice ancora della Palma d\'Oro a Cannes \"Underground\" (1995), considerato da molti il suo capolavoro. Nel 1998 vince il Premio speciale per la regia - Leone d\'Argento a Venezia con il film \"Gatto nero, gatto bianco\", una commedia oltraggiosa e farsesca ambientata in un accampamento gitano sulla riva del Danubio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2009 alle 17:48 sul giornale del 02 settembre 2009 - 1637 letture