contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Parco del Conero: approvata la variante al piano

5' di lettura
2449

parco del conero

Nel corso di una seduta che si è tenuta mercoledì mattina con la presidenza dell’assessore all’Urbanistica Paolo Pasquini, la Comunità del Parco del Conero ha approvato la variante al Piano del Parco con il solo parere contrario del Comune di Sirolo.

Dopo questa approvazione l’iter prosegue con la riunione del Consiglio direttivo del Parco, chiamato venerdì 4 settembre ad adottare il Piano, e con la successiva pubblicazione, cui seguiranno i 60 giorni previsti dalla legge per la presentazione delle eventuali osservazioni. Il Consiglio deciderà poi riguardo alle osservazioni e, dopo le controdeduzioni, trasmetterà alla Regione le delibere per l’approvazione. Erano presenti all’incontro di questa mattina il sindaco di Numana Marzio Carletti, il vicesindaco di Sirolo Maria Teresa Zoppi, il sindaco di Camerano Carmine Di Giacomo, l’assessore all’Ambiente della Provincia di Ancona Marcello Mariani, i consiglieri del Parco del Conero Marco Gallegati e Paolo Pascucci, il direttore Marco Zannini, il rappresentante delle associazioni ambientaliste Fausto Fiorini, il rappresentante delle associazioni volontarie Giorgio Orciani, il rappresentante del mondo economico Marcello Ferretti, i tecnici e i dirigenti dei vari enti. Viva soddisfazione per l’approvazione è stata espressa dal sindaco di Ancona Fiorello Gramillano.


“Ci si avvia – ha detto – alla fase finale di un iter, quello della variante, che permetterà l’adozione del Piano in tempi certi e, oltre a garantire una maggiore valorizzazione di questo patrimonio che interessa un’ampia parte del nostro territorio extraurbano e anche una zona di particolare interesse all’interno della nostra città, introdurrà norme più flessibili rispetto al passato, per dare soluzioni alle problematiche delle frazioni, delle case sparse e delle aziende agricole inserite nel Parco”. “Vanno sottolineate – ha aggiunto l’assessore Pasquini – la funzione positiva di tutela esercitata dal Parco del Conero in questi anni e soprattutto, a partire da questa nuova normativa, le grandi possibilità di promozione del Parco, che non è solo un vincolo, ma una importante occasione di qualificazione in senso turistico di un territorio salvaguardato con iniziative eco compatibili”.


“L’Ente Parco – ha dichiarato il consigliere Gallegati – esprime grande soddisfazione per questo parere favorevole, espresso quasi all’unanimità dalla Comunità del Parco. Riteniamo che il risultato di oggi sia il frutto della collaborazione tra le istituzioni, che hanno contribuito a migliorare la normativa precedentemente trasmessa alla Regione. Ora auspichiamo che la Regione stessa proceda rapidamente nel suo iter istruttorio con la relativa approvazione, che è, sicuramente, un momento molto atteso da tutta la comunità degli operatori”. “Camerano – ha detto il sindaco Di Giacomo – ha votato a favore, alla fine di un percorso di condivisione con il Parco e con gli altri enti. Il nostro giudizio sulla proposta è positivo, poiché essa recupera sia le istanze di salvaguardia, sia quelle di promozione e sviluppo che la complessa realtà del Parco sottopone agli amministratori”. “Ho votato a favore – dice il sindaco di Numana Carletti – ed esprimo apprezzamento per l’ottimo lavoro svolto dall’Ente Parco, anche grazie alla collaborazione con tutti gli altri enti di questa Comunità. Il Comune di Numana è convinto che il territorio del Parco del Conero debba sviluppare un nuovo modello di sviluppo, maggiormente rispettoso della tutela ambientale e paesaggistica, anche nella necessità di dare risposte alle esigenze dei cittadini e delle attività presenti”. “Il Comune di Sirolo – ha detto invece il vicesindaco Zoppi – esprime voto contrario, rilevando che il testo odierno della variante del Parco è diverso da quello discusso nella adunanza del Comitato dei sindaci del 27 agosto e da quello esaminato dal Comitato provinciale del territorio”.


“La Provincia – ha affermato l’assessore Mariani – è abbastanza soddisfatta del risultato ottenuto. Abbiamo visto accolte circa il 90 per cento delle 27 prescrizioni avanzate dal Comitato provinciale per il territorio, che danno una caratura ambientale ben più marcata rispetto alla stesura originale. La preoccupazione per il carico edificatorio all’interno dei comuni del Parco è data da strumenti “altri”, quali ad esempio i piani casa, che non permettono di quantificare il budget finale di cubature e quindi non consentono di delimitare una soglia di carico urbanistico rispetto a un sistema così pregiato, ma anche delicato, quale è quello del parco del Conero. Possiamo sottolineare che c’è stata una collaborazione, a partire dai comuni della Comunità del parco e dall’Ente Parco, che ha permesso il conseguimento di un risultato finale condiviso anche dalle associazioni ambientaliste”. Ha espresso, infatti parere “sostanzialmente favorevole all’adozione del Piano del Parco” il rappresentante delle associazioni ambientaliste Fausto Fiorini. “Questo ultimo mese – ha detto – ci ha consentito di migliorare la normativa su alcuni aspetti sostanziali. Si è instaurato un rapporto positivo tra le varie componenti della Comunità, che può essere proficuo per i futuri sviluppi”. “Esprimo un sincero augurio – ha detto infine Orciani a nome delle associazioni dei volontari – per tutto quello che è stato fatto e che oggi finalmente si avvia a conclusione dopo lunghe discussioni e sono fiducioso per le future realtà che da qui potranno nascere. Un elogio speciale va al direttore del Parco, che ha supportato con professionalità e costanza la complessità di questo iter”.



parco del conero

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-09-2009 alle 16:13 sul giornale del 03 settembre 2009 - 2449 letture