contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Confartigianato: 150 imprenditori per Gramillano

4' di lettura
1376

Si è chiusa a tarda notte, con molte promesse e dichiarazioni di intenti, l’assemblea tra gli imprenditori di Confartigianato e il primo cittadino di Ancona Fiorello Gramillano.

150 persone hanno affollato il centro direzionale della Baraccola, per chiedere alla nuova giunta di superare l’attuale fase di immobilismo. Presenti, oltre al Sindaco, anche l’assessore alle attività produttive Romana Mattaloni e alla viabilità Borgognoni. La Confartigianato ha presentato ai rappresentanti dell’amministrazione le proprie proposte per la città in vista del nuovo PRG: waterfront e centro storico con uno stretto rapporto tra vita sociale ed economica, largo Cappelli, C.so Mazzini e Piazza delle Erbe un ambito per lo sviluppo economico e culturale, senza trascurare le periferie e favorire la creazione di nuove aree di insediamento produttivo recuperando anche i contenitori esistenti .


E poi il vecchio cavallo di battaglia dell’Associazione, quella piazza Pertini oggi emblema del degrado che dovrebbe diventare centro per l’aggregazione sociale e mercato cittadino. L’associazione si è impegnata a pagare parte dell’affitto di una tensostruttura per il periodo natalizio al fine di favorire la realizzazione di eventi, a patto che l’amministrazione comunale decida di fare un progetto per dare una definitiva identità alla piazza. Il sindaco Gramillano si è preso una settimana di tempo per decidere . In apertura dei lavori, il segretario provinciale della Confartigianato Giorgio Cataldi ha richiamato al senso di responsabilità. Gli atteggiamenti conflittuali, le polemiche per le poltrone non possono essere più tollerati. Questo è il momento della concretezza, del buon senso e della collaborazione perché siamo coinvolti in una crisi economica che mette a rischio le prospettive di crescita e di benessere e impone atteggiamenti e decisioni di grande spessore e un forte senso di responsabilità nei confronti di tutta la comunità locale. Il segretario comunale della Confartigianato Marco Pierpaoli, ha ribadito la disponibilità dell’Associazione a collaborare con l’amministrazione comunale su progetti di rilancio che prevedano la definitiva destinazione dei contenitori esistenti, un rilancio dell’immagine complessiva della città con organizzazione e coordinamento degli eventi.


Il presidente provinciale Valdimiro Belvederesi ha detto che occorre favorire il coinvolgimento delle imprese locali nella realizzazione delle opere pubbliche e attivare immediatamente tutte le risorse disponibili per manutenzioni ordinarie e straordinarie. Dal Presidente comunale Confartigianato Fabrizio Saccomanno è arrivata la richiesta di ridurre la tassazione, compresa l’ici sui laboratori. Una delle priorità emerse dai 200 questionari “l’Ancona che vorresti” con i quali Confartigianato ha sondato le esigenze del mondo produttivo anconetano. Il Sindaco Gramillano, sollecitato dalle tante domande e richieste degli imprenditori, ha preso degli impegni concreti a cominciare dagli appalti, uno dei temi più importanti per le aziende: gare d’appalto a portata di piccole imprese locali e non al massimo ribasso, per tutti i lavori di manutenzione. Il primo cittadino ha anche promesso maggiore attenzione alla sicurezza per imprese e cittadini con l’installazione di impianti di videosorveglianza, massima attenzione al decoro urbano, sanzioni a chi imbratta le strade, impegno anche per la famigerata tarsu: le imprese che non conferiscono in discarica avranno una detrazione. Incalzato sul da farsi, il Sindaco ha anche ribadito che pretendere la risoluzione dei problemi dopo un mese dall’insediamento, è impossibile.


Ha chiesto quindi tempo per lavorare e fare bene. La Confartigianato ha ribadito la disponibilità a collaborare per la soluzione dei problemi, ha chiesto una maggiore attenzione alla Giunta al mondo delle piccole imprese e alle proposte avanzate dalle Associazioni di categoria che le rappresentano. L’assessore Romana Mataloni è intervenuta sul problema del bilancio: dall’inizio del mandato, ha detto, stiamo lavorando per ridurre la burocrazia e limitare gli sprechi. L’assemblea si è sciolta con l’impegno ad organizzare una nuova assemblea fra 6 mesi. Gli imprenditori aspettano. La campagna elettorale è finita da un pezzo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2009 alle 13:58 sul giornale del 26 settembre 2009 - 1376 letture