contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Bastianelli: aprire un tavolo di lavoro con i commercianti sulla sicurezza

1' di lettura
1008

allarme

\"Ai lavoratori del commercio non basta la legge 626 per sentirsi sicuri. La legge sulla sicurezza sul lavoro serve solo come punto di partenza per garantirsi l’incolumità propria e dei suoi dipendenti\".

Organizzare un convegno dal titolo “Sicurezza andiamo cercando” tra Comune e Confcommercio e altre categorie, e’ il minimo dopo gli episodi di violenze rilevati ai commercianti di Ancona e dopo le dichiarazioni del presidente di Ancona Cinti Francesco che richiede un contributo per l’istallazione di video sorveglianza. L’ennesima rapina a un gioielliere, un’esecuzione in piena regola in pieno centro davanti ai passanti sono fatti a cui i territori come questo non erano abituati. C\'è un trend evolutivo di questa criminalità diffusa, e nella maggior parte dei casi si tratta di reati contro il patrimonio: commercianti ed esercenti in genere sono una delle categorie più bersagliate. E poichè giovani imprenditori di oggi sono gli esercenti di domani, sono loro a dover fare i conti con questa situazione in evoluzione.



Non bisogna fare allarmismo, ma certamente bisogna fare attenzione affinché una provincia tradizionalmente tranquilla come questa non cambi sostanzialmente il suo aspetto .Per esempio, quelle denuncie che spesso si evitano perchè tanto non portano a niente sapendo che poi non si trovano i colpevoli, edulcano le statistiche, facendo sembrare il fenomeno in provincia meno importante di quello che invece è.



Lanciare un sondaggio tra i commercianti sulla sicurezza, e’ forse un’iniziativa da realizzare in pochi giorni dall amministrazione comunale. Il questionario rivolto ad almeno 100 esercenti scelti a campione in Ancona tra quelli che più sono a rischio (tabaccai, gioiellieri, benzinai e farmacie): potrebbe essere un’idea. Aprire comunque un tavolo di lavoro con i commercianti sulla sicurezza, in vista soprattutto delle nuove competenze regionali causate dalla riforma costituzionale e in vista delle elezioni regionali e’ in questa fase opportuno.



allarme

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-02-2010 alle 16:29 sul giornale del 15 febbraio 2010 - 1008 letture