contatore accessi free

Falconara: l'Onda verde scrive a prefetto e questore su ex Montedison

ex Montedison 1' di lettura 15/05/2010 - L'Ondaverde ONLUS che, come è noto, aveva sollevato la problematica della conservazione anche delle “casette operaie” del sito ex Montedison di Falconara Marittima, ha inviato ai componenti del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica materiale fotografico autonomamente repertato nei giorni scorsi che segnala una anomala messa in sicurezza delle "casette operaie" che il sindaco di Falconara M.ma vorrebbe abbattere.

Infatti alcune finestre delle cosiddette “casette operaie” della ex Montedison di Falconara Marittima non risultano murate a fronte della efficace muratura delle finestre di altri edifici della stessa ex Montedison. La situazione che le foto mostrano, a parere della scrivente onlus, induce a ritenere Non adeguata la messa in sicurezza da intrusioni delle cosiddette “casette operaie”.

Infine, l'Ondaverde onlus ha evidenziato con altre foto al comitato perl'ordine e la sicurezza pubblica che analoghi interventi di messa in sicurezza di altri edifici usati nel territorio di Falconara come dimora occasionale hanno sortito effetti deterrenti e duraturi con la efficace muratura delle finestre e degli ingressi ordinati a carico dei proprietari degli immobili stessi (casa abbandonata sotto la Variante alla SS16 nei pressi della ex caserma Saracini di Falconara Marittima).

Dunque l'Ondaverde onlus ritiene che prima di procedere a demolizioni, si dovrebbe ordinare al proprietario della area ex Montedison una vera ed efficace opera antiuntrusione in tutti gli edifici. Copia della nota e le foto sono state inviate anche al Soprintendente ai Beni Architettonici delle Marche, Arch. Cozzolino.


da movimento ecologista \"l\'ondaverde\"






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2010 alle 18:05 sul giornale del 17 maggio 2010 - 1741 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara, ex montedison, movimento ecologista "l'ondaverde"





logoEV
logoEV
logoEV