contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Biekar su dati pubblicati da 'Il Sole 24 ore': la manovra non è definitiva

1' di lettura
726

Andrea Biekar

Intervento dell'assessore Andrea Biekar a commento dai dati pubblicati da "Il Sole 24 ore" sugli effetti delle nuove regole del patto di stabilità per il Comune di Ancona.

Intanto la manovra non è affatto definitiva bisogna infatti attendere la fine di luglio per la sua approvazione. Da un primo esame il sacrificio che andremo a fare sulla parte corrente può essere intorno al 7-8 per cento. Ciò impone non tanto una sforbiciata ma una riflessione alta su tutti i servizi e attività erogati dal Comune ed allo scopo individuare quelli prioritari su cui concentrare le risorse a disposizione sacrificando magari temporaneamente qualche attività non essenziale. L’altro aspetto preoccupante della manovra è l’impatto sul personale poiché di fatto congelando aumenti, turn over, riducendo i compensi incentivanti, le spese per la formazione, di fatto vengono bloccate le leve che un datore di lavoro pubblico o privato ha a disposizione per motivare il personale e ricercare aumenti di produttività ed efficienza.

Il rischio concreto è che la riduzione dei costi per il personale si accompagnerà ad un rallentamento dell’ammodernamento della macchina amministrativa ed ancora una volta ne pagheranno le conseguenze i cittadini. Terzo aspetto preoccupante della manovra la conferma delle regole sul patto di stabilità: ciò comporterà l’impossibilità per molti enti locali di avviare progetti di investimento utili a stimolare la crescita economica. Infine, c’è perplessità che gli enti locali possano ottenere una compensazione dei trasferimenti grazie all’attività di accertamento tributario da parte dell’Agenzia delle Entrate in quanto vengono sostituiti importi certi derivanti da contributi statali con ipotetiche provvigioni sugli importi riscuotibili dalla lotta all’evasione.



Andrea Biekar

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2010 alle 19:13 sul giornale del 08 giugno 2010 - 726 letture