contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

Zaffiri (Lega): 'Occuperemo il Consiglio Comunale'

3' di lettura
1888

Il coordinatore comunale della Lega Nord, Sandro Zaffiri, annuncia le prossime iniziative del partito e lancia un messaggio alle forze politiche cittadine.

Assente dal campo di battaglia della politica istituzionale, ma pronta a far sentire la sua voce. La Lega Nord alimenta il dibattito sul presente e sul futuro di Ancona con un'analisi sui problemi della città. Sandro Zaffiri è un fiume in piena. Elenca cifre, dati e questioni urgenti da risolvere per "evitare che la città muoia definitivamente".

Tutto parte dalla campagna promossa dalla Lega per denunciare il degrado di alcuni quartieri anconetani. Una raccolta di firme con "più di 2000 cittadini che hanno deciso di appoggiare la nostra petizione". Che nell'immediato si tradurrà in un'atto concreto: "Da domani (oggi per chi legge, ndr), i nostri militanti provvederanno a pulire le strade dove si accumulano più rifiuti. Partiremo da Corso Carlo Alberto, poi ci sposteremo alle Palombare, al Piano S. Lazzaro ed in tutti quei quartieri dove il degrado ha raggiunto livelli altissimi".

Al problema dei rifiuti, poi, Zaffiri aggiunge quelle che sembrano essere le maggiori criticità cittadine per la Lega Nord. "Le società partecipate del Comune hanno fallito - attacca il coordinatore - AnconAmbiente è in enormi difficoltà per alcune scelte gestionali sbagliate, a fronte di 70 nuovi dipendenti. Manca un piano manageriale serio. E poi c'è la Conerobus, con i suoi quasi 2,5 milioni di euro di buco ed i costi di gestione troppo alti". Senza dimenticare l'urbanistica. E qui Zaffiri chiama in causa il problema dell'immigrazione. "Ogni anno circa 700 - 800 anconetani decidono di lasciare la città per trasferirsi nell'hinterland. Segno che qualcosa non funziona. In alcuni quartieri gli immobili hanno subito una svalutazione pari al 20 - 30%. Parliamo di zone dove la presenza di extracomunitari si attesta attorno al 60%. Se questa è la tendenza, la città si impoverirà sempre di più".

Di qui, la proposta che Zaffiri lancia al Pdl. Un atto politico formale, dato che la Lega sta preparando una lettera ufficiale al Pdl per "chiedere il loro appoggio alle nostre prossime manifestazioni ed azioni di protesta". Che potrebbero culminare con l'occupazione della sala del Consiglio Comunale, "immobile ed inoperoso, così come la Giunta Gramillano". Una proposta che sa di "aut aut" , perchè "se il Pdl non deciderà di fare opposizione dura, vorrà dire che in questa città governa davvero una casta, come dicono in molti". Per settembre, poi, la Lega avrebbe già pensato un possibile candidato sindaco, prospettando la caduta dell'attuale Giunta comunale. Una scelta che "verrà fatta insieme al Pdl e a tutte le forze che vorranno stare con noi. Ma se non vedremo una volontà seria da parte delle altre forze politiche, potremmo decidere di correre da soli".





Questo è un articolo pubblicato il 01-07-2010 alle 12:49 sul giornale del 02 luglio 2010 - 1888 letture