contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
articolo

Festival 'Adriatico Mediterraneo', chiuderà Carmen Consoli

3' di lettura
1629

Dal 28 agosto al 5 settembre il Festival “Adriatico-Mediterraneo” entrerà nel vivo con una serie di eventi che, nelle parole della presidente della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, “proietteranno la città in una dimensione internazionale”.
 

Il Festival gode del patrocinio della Regione Marche e del Comune di Ancona. A questo proposito, l’assessore alla Cultura Andrea Nobili plaude al “progetto sinergico che ha visto collaborare vari enti per un cartellone così ricco e che rivitalizzerà alcuni spazi urbani di Ancona”. Non sarà infatti solo la Mole il palcoscenico di “Adriatico-Mediterraneo”: l’Arco di Traiano, la Pinacoteca, il Palazzo del Capitano al porto vecchio, il molo del Lazzabaretto ospiteranno gli eventi inseriti nel programma dell’edizione 2010, “la prima di un triennio in cui pensiamo di poter crescere”, come spiega il direttore artistico, Giovanni Seneca.

“Valorizzare il dialogo e lo scambio interculturale: ecco il significato profondo di un Festival che, per la sua originalità, è riuscito ad ottenere risorse importanti anche dall’Unione Europea”. L’assessore alla Cultura della Regione Marche, Pietro Marcolini, ricorda l’importante partnership di “Adriatico-Mediterraneo”, che quest’anno può vantare un rapporto strettissimo con la Turchia e con Istambul, la città scelta come Capitale Europa della Cultura per l’anno in corso. L’assessore lancia poi un duro attacco al governo nazionale, “che impiega soltanto lo 0,21% del bilancio nazionale per la cultura, il minimo storico dall’Unità d’Italia ad oggi”.

Tra gli eventi più prestigiosi inseriti nel programma, l’assessore Nobili ricorda la mostra “Jasad – corpi ed eros dal mondo arabo”, una produzione esclusiva voluta dal Comune di Ancona “che sta già suscitando l’interesse dei media nazionali ed internazionali”. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 agosto alla Mole, alle ore 18, e saranno presenti anche le autrici e le giornaliste del periodico libanese da anni in prima fila nella lotta per la rivendicazione dei diritti femminili nel mondo arabo.

Si partirà sabato 28 agosto con la cerimonia inaugurale che si terrà alla Cittadella, sede del Segretariato Permanente dell'Iniziativa Adriatico-Ionica. Alle ore 18 verrà consegnato il Premio Adriatico-Mediterraneo 2010 a Padre Armando Pierucci. Durante il periodo del Festival, la città di Ancona ospiterà anche una ricca rassegna dedicata al cinema turco (“con molte produzioni inedite ed esclusive”, ricorda Giovanni Seneca), incontri con scrittori e giornalisti e numerosi concerti di musica colta e della tradizione mediterranea.

Ma l’evento clou del Festival sarà in chiusura, quando arriverà ad Ancona Carmen Consoli. La “cantantessa” sarà in città per un evento unico ed esclusivo. La prima parte del concerto, infatti, prevede l’esecuzione di canzoni inedite, suonate con gli strumenti della tradizione siciliana. Non solo: Carmen Consoli si esibirà al porto, suonando sul ponte Lima, sospeso sull’acqua. “Un evento unico nel suo genere – commenta soddisfato Giovanni Seneca – che Carmen proporrà appositamente per la nostra città”.

Il programma completo del Festival è consultabile qui.





Questo è un articolo pubblicato il 30-07-2010 alle 16:20 sul giornale del 31 luglio 2010 - 1629 letture