contatore accessi free

Contributo del Comune per la ristrutturazione dell'ex Buon Pastore

Comune di Ancona 2' di lettura Ancona 01/10/2010 -

La giunta comunale di Ancona ha adottato giovedì, su proposta dell’assessore al Patrimonio Cristiano Lassandari al termine di un iter amministrativo seguito dall’assessore Diego Franzoni, la delibera per la concessione del contributo di 600 mila euro, ripartito con quote da 200 mila euro annuali, da corrispondersi in tre anni, per poter procedere alla realizzazione della ristrutturazione dell’immobile dell’ex Buon Pastore, che sarà destinato a residenza universitaria e servizi, gestita dall’Ersu.



L’ex convento settecentesco, con annessa chiesa, un complesso di circa 8 mila metri quadrati all’angolo tra via Oddo Di Biagio, via Scosciacavalli e vicolo San Gaetano è inagibile dal 1972. Il complesso è stato venduto dal Comune all’Ersu, che ha presentato un piano di valorizzazione e ristrutturazione con la finalità di offrire alloggi per gli studenti utilizzando i locali esistenti dell’ex convento che si affacciano sul chiostro, con cortili e spazi di socialità nell’area della chiesa. Non un semplice dormitorio, quindi, ma una “cittadella” per studenti nel cuore del centro storico, dove ci sarà la possibilità di leggere, incontrarsi, mangiare e studiare insieme affacciandosi sulla città. Il piano finanziario del progetto, per un importo di 16.670.000 euro, sarà coperto dal Ministero per l’Università e per la ricerca scientifica, dalla Regione, dal Comune, e dallo stesso Ersu.

“L’intervento – commentano gli assessori Franzoni e Lassandari - assume per l’Amministrazione comunale di Ancona un valore particolarmente significativo, poiché riqualifica di fatto una parte fondamentale del nucleo storico della città e, riconducendo al suo interno la presenza di studenti e operatori, rivitalizza il tessuto socioeconomico del Guasco, fino a oggi estremamente sofferente. Di notevole importanza, inoltre, è il risultato che potremo conseguire anche in termini di maggiore integrazione dell’Università con la città di Ancona”. In base al protocollo stilato con gli enti che compartecipano al finanziamento del progetto, durante il periodo estivo alcune strutture (auditorium, bar, caffetteria ed eventuali posti letto) saranno messi a disposizione del Comune di Ancona e durante tutte l’anno l’auditorium e il bar saranno rese disponibili compatibilmente con gli impegni istituzionali dell’Ersu.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2010 alle 16:57 sul giornale del 02 ottobre 2010 - 3211 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, ristrutturazione, comune di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cNZ





logoEV
logoEV