contatore accessi free

Disagio sociale, al via Ri-scalda la notte

neve 5' di lettura Ancona 12/10/2010 -

Il Comune di Ancona collabora con Ikea nella iniziativa Ri-scalda la notte, a sostegno delle situazioni di grave disagio sociale.



Da venerdì 15 ottobre a domenica 24 ottobre 2010 sarà data la possibilità ai visitatori di portare in IKEA una coperta, una trapunta o un piumone usati (in buono stato, puliti e dentro sacchetti) che saranno recuperati da volontari delle organizzazioni che operano nel settore dell’assistenza ai senza tetto e che avranno la possibilità di distribuirle nei giorni successivi a chi ne ha bisogno. In cambio delle coperte e dei piumoni usati saranno date ai clienti gift card del valore di 10 euro, spendibili dal 25 ottobre al 31 dicembre 2010 in tutti i negozi Ikea. Collaborano all’iniziativa il CENTRO DI ACCOGLIENZA "UN TETTO PER TUTTI", Comune di Ancona, la CARITAS diocesana ANCONA OSIMO - associazione SS. Annunziata, la MENSA del Povero "PADRE GUIDO", l’associazione SERVIZIO DI STRADA ONLUS e la Cooperativa “LA GEMMA” onlus. Il Comune di Ancona ha deciso di aderire alla iniziativa Ikea, inserendola all’interno del progetto per il servizio civile Strade Paesi Culture Diverse, rivolto alle persone in situazione di disagio estremo, come gli immigrati e i senza fissa dimora, con il fine di aumentare le informazioni sulle misure di prima accoglienza, dei servizi e di assistenza di base, di migliorare l’integrazione. L’iniziativa della raccolta delle coperte avrà, dunque, anche la funzione di sensibilizzare la comunità locale circa la presenza sul territorio di questi particolari bisogni dettati da situazioni di povertà estrema e di valorizzare e sostenere le iniziative di solidarietà svolte dalle associazioni di volontariato.

L’idea di questa iniziativa è nata nei negozi Ikea milanesi di Corsico e Carugate, che nel corso dell’ottobre 2008 hanno partecipato all’evento “La notte dei senza fissa dimora” in occasione della giornata mondiale ONU per la lotta contro la povertà del 17 Ottobre, che si tiene tutti gli anni a Milano in Piazza Santo Stefano). Il negozio di Ancona ha già messo in atto questa iniziativa negli anni passati. Ogni visitatore potrà portare al massimo 5 coperte/trapunte/piumoni. Il ritiro delle coperte e dei piumoni sarà a cura delle associazioni che hanno aderito all’iniziativa, che avranno il compito di valutare il materiale donato e, eventualmente, di non accettarlo, se non ha i requisiti richiesti. Nei giorni in cui non ci sarà il presidio delle organizzazioni il materiale sarà raccolto in alcune cassepallet/carrelli sistemate vicino o al banco info o al banco resi.

L’osservazione e dal monitoraggio periodico dei dati relativi al disagio ed alla povertà estrema, condotti nel corso degli ultimi anni dall’Unità operativa Disagio/Immigrazione del Comune di Ancona, delinea un contesto caratterizzato da un significativo flusso di arrivi di persone adulte italiane, comunitarie e straniere, in situazione di forte disagio economico. L’analisi dei dati condotta periodicamente avvalendosi delle statistiche sistematicamente raccolte ed elaborate sia presso l’Unità Operativa che all’interno delle strutture di accoglienza “Un Tetto per Tutti” e l’Opera Padre Guido, documentano che la fascia di età più rappresentata è quella compresa tra i 36 ed i 45 anni di età. La categoria più coinvolta nelle situazioni di povertà è quella maschile, anche se si registra un aumento del genere femminile tra i senza fissa dimora.

Si tratta di persone che hanno una condizione lavorativa precaria, discontinua o assente, con elevata difficoltà di ricollocazione nel mercato del lavoro. Spesso le persone presentano delle fragilità personali e sociali associate a problemi abitativi, di giustizia, di dipendenza da alcool o stupefacenti, di perdita di legami sociali significativi e cronicizzazione dei processi legati all’esclusione sociale. L’Amministrazione comunale negli anni ha orientato le diverse strategie di programmazione adottando una logica di rete, in cui l’ente pubblico collabora con altri soggetti sociali per la predisposizione di interventi assistenziali. I programmi predisposti in materia di disagio estremo sono quindi garantiti sia attraverso servizi propri che tramite strutture di accoglienza gestite in convenzione. Di seguito si riporta uno schema riepilogativo dei servizi deputati alla prima accoglienza (Un Tetto per Tutti, Mensa del Povero, servizio di strada itinerante, servizio alberghiero) e le accoglienze registrate nel corso degli anni. Ai servizi sopra elencati si aggiungono le attività dell’Associazione “Servizio di Strada Onlus” (afferente all’Opera Padre Guido), che si contraddistingue per essere un servizio itinerante principalmente notturno, poiché interviene nelle ore serali al fine di garantire pasti e prestazioni assistenziali di vario genere per il soddisfacimento dei bisogni primari delle persone che utilizzano la strada come luogo di vita.

L’Amministrazione comunale, sensibile alle esigenze dei soggetti che vivono in grave stato di marginalità e precarietà, nel corso del 2010, precisamente nel periodo Gennaio/Marzo, ha sperimentato una soluzione assistenziale per affrontare l’emergenza freddo, allestendo 70 posti letto da destinare alla dimora temporanea. L’esperienza, condotta in collaborazione con l’Associazione di Strada Onlus, ha registrato complessivamente 2067 pernottamenti, con una presenza di 129 persone, provenienti soprattutto dai comuni limitrofi, oltre che da contesti provinciali diversi poiché richiamati dalla disponibilità di accoglienza notturna. L’affluenza giornaliera di un numero cospicuo di soggetti afferenti al centro di accoglienza istituito temporaneamente per le esigenze di riparo notturno, unica esperienza di tale genere nelle Marche, ha favorito nell’Amministrazione comunale una più approfondita conoscenza del fenomeno sul territorio. Il costo del servizio “Emergenza Freddo” è stato sostenuto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Opera Padre Guido e l’Associazione Servizio di Strada Onlus. Anche in tale circostanza l’IKEA ha fornito gratuitamente alcune coperte e materassi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2010 alle 16:41 sul giornale del 13 ottobre 2010 - 762 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, comune di ancona, neve, freddo, disagio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcp





logoEV
logoEV