contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Falconara: dal governo 3 milioni di euro per la messa in sicurezza dal rischio esondazione

1' di lettura
632

carlo ciccioli, goffredo brandoni, remigio ceroni

Dopo anni di richieste per la prima volta il governo nazionale nel bilancio 2010 ha previsto risorse da destinarsi alla difesa del suolo da fenomeni di dissesto idrogeologico e nell’elenco dei Comuni beneficiari del finanziamento c’è anche l’Ente falconarese.

Giovedì pomeriggio infatti è stato firmato l’accordo di programma tra il Ministero dell’Ambiente e la Regione Marche finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico sul territorio regionale. Fin da subito l’attuale Amministrazione ha ritenuto assolutamente necessario reperire risorse per mettere in sicurezza i fossi che avevano scatenato la copiosa alluvione nel settembre 2006, arrecando numerosi danni ai cittadini e alle imprese falconaresi. In questi anni lo sviluppo sia economico che urbanistico del nostro territorio è stato pesantemente frenato dai numerosi vincoli e tutele legati al rischio esondazione.

Il Sindaco Brandoni in prima persona ha sollecitato più volte la struttura regionale ed i parlamentari marchigiani del Pdl ad intraprendere azioni concrete e ai 700mila euro già stanziati per il fosso San Sebastiano si aggiungono questi ulteriori 2milioni e 900mila euro. “Con questo accordo si avviano concretamente le procedure necessarie ad attivare interventi strutturali per la messa in sicurezza del territorio comunale – commenta il Sindaco Goffredo Brandoni -. La Regione Marche è stata tra le prime a sottoscrivere l’accordo, ma in particolare ringrazio i parlamentari marchigiani Remigio Ceroni e Carlo Ciccioli che, investiti del problema, hanno sostenuto le legittime richieste del nostro Comune e che hanno seguito costantemente l’iter che ha portato al finanziamento di 2.900.000 euro”.





carlo ciccioli, goffredo brandoni, remigio ceroni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2010 alle 16:05 sul giornale del 27 novembre 2010 - 632 letture