contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Act: Ancona, Patrasso e Bullas siglano l'intesa

3' di lettura
1082

Fiorello Gramillano appena eletto Sindaco

In concomitanza con la massiccia nevicata che investito la città, si sta svolgendo all’hotel N.H di Ancona il convegno internazionale ACT -Adapting to climate change- Strategie per aumentare la resilienza delle città al cambiamento climatico, che vede il Comune di Ancona capofila insieme alle città di Patrasso (Grecia) e Bullas (Spagna).

Un progetto che rientra nell’ambito delle politiche dell’Unione Europea in favore della sostenibilità, a sostegno dei centri urbani investiti dalle ricadute provocate dai cambiamenti climatici sui contesti urbani: precipitazioni ripetute e violente, frane, smottamenti, allagamenti,esondazioni- e dall’altro lato- ondate di calore e forti sbalzi termici. Grazie ad ACT – cui collaborano anche il Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio e l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale- i tre Comuni aderenti potranno contare fino al 2012 alla disponibilità di un finanziamento complessivo pari a circa 1800.000 euro (sette miliardi è il fondo complessivo destinato dall’Europa a tutti Paesi, in primis ai Paesi in via di sviluppo). A questo proposito,in apertura stamane della sessione plenaria, il sindaco Fiorello Gramillano e i delegati delle due città partner del progetto comunitario ACT, Bullas (Spagna) e Patrasso (Grecia) Maria Dolores Munoz Valverde (assessore allo Sviluppo e al Turismo) e Syros Politis (consigliere comunale) hanno sottoscritto una intesa con la quale si impegnano ad adottare misure atte ad adattare le rispettive governance ai cambiamenti climatici in atto e a prevenire le conseguenze degli stessi.

Due azioni strategiche diverse ma allo stesso tempo complementari: l’obiettivo dell’adattamento conduce ad una gestione degli impatti inevitabili, sviluppando e migliorando le capacità dei centri urbani di misurarsi con le manifestazioni provocate dai cambiamenti di clima; quello della mitigazione (e prevenzione laddove possibile) implica lo sforzo di evitare quegli impatti che non si è in grado di gestire. All’incontro di grande rilievo e attualità, ha partecipato Michiko Hama, responsabile di UNISIDR- World Disaster Campaign, la campagna delle Nazioni Unite volta a favorire l’adeguamento dei centri urbani e dei territori ai cambiamenti climatici in atto che- come è noto- influiscono massicciamente su un’ampia serie di fenomeni idrogeologici, sulle variazioni di calore e tutte le manifestazioni ad essi collegate, incluso l’inquinamento ambientale. L’approccio al tema dei cambiamenti climatici viene svolto al convegno attraverso una sessione plenaria con amministratori ed esperti internazionali e nel pomeriggio attraverso tre tavoli di lavoro sui temi dell’adattamento: “La resilienza per rinnovare i progetti decisionali a livello locale”; “Dalla realizzazione all’attuazione di un Piano locale di adattamento: metodi ed esperienze, la valutazione degli impatti economici del cambiamento climatico a livello urbano”; Analisi costi-benefici per implementare una strategia di adattamento locale”.

Mettendo in rete tutti gli attori locali del territorio –dicono gli esperti- è possibile attuare un Piano di Adattamento Locale integrato e condiviso che permetta di far fronte alle forme di impatto causate da fenomeni dei nostri giorni, che incidono pesantemente sulla vita e sulla qualità della vita dei cittadini, come è emerso con decisione dal summit mondiale di Cancun, appena concluso. Un progetto -quello illustrato martedì- che investe pienamente le politiche ambientali, economiche, urbanistiche e sociali del Comune di Ancona e degli altri partners e che costituirà un modello per gli enti locali italiani ed europei.



Fiorello Gramillano appena eletto Sindaco

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-12-2010 alle 16:10 sul giornale del 15 dicembre 2010 - 1082 letture