contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Confartigianato Trasporti: 'Porto, procedere per l'uscita ad ovest'

3' di lettura
1040

Gilberto Gasparoni

Gilberto Gasparoni, segretario di Confartigianato Trasporti, sottolinea che nonostante la crisi, il traffico passeggeri al porto di Ancona ha sfiorato il record di 1,6 milioni di unità nei primi 11 mesi del 2010, con un incremento complessivo del 5,8%, mentre il traffico TIR, contenitori tengono.

E' quanto emerge dalle statistiche dell'Autorità portuale, che hanno confermato a novembre un calo di transiti di merci rinfuse ed una tenuta dei TIR in transito e della movimentazione dei contenitori Con il movimento passeggeri del mese scorso (47.617 unità contro i 56.983 dello stesso mese del 2009) il traffico è salito a 1.593.695 persone contro 1.505.624 dello scorso anno, superando anche il totale del 2009 attestatosi a 1.572.407, anche per l'incremento del pellegrinaggio religioso e dei viaggiatori in direzione Spalato per visitare Medjugorie. Confartigianato sollecita nuovamente la conclusione dell’analisi delle offerte delle aziende che hanno partecipato al bando per la realizzazione dell’Uscita ad Ovest tanto attesa dall’intera comunità portuale e marchigiana., onde renedere cantierabile il prima possibile l’uscita dal porto. Mai come in questa occasione ribadisce Gasparoni è forte l’esigenza di una azione unitaria fra tutte le componenti e le Istituzioni sui problemi della grande viabilità e del porto di Ancona. Gravi sono i ritardi già accumulati, sottolinea la Confartigianato, tanto che l’uscita ad ovest, il raddoppio della SS 16 nella tratta Ancona Sud Castelferretti, sono ancora ferme al palo e solo grazie all’azione del nuovo Assessore Viventi, il progetto ha ottenuto il via.

Il porto, che dovrebbe permettere lo sviluppo del trasporto intermodale dalla strada al mare, non è raggiungibile, non ha sufficienti spazi anche se finalmente il primo lotto della nuova darsena è ora utilizzato dagli operatori. Di fronte a questa situazione secondo Gilberto Antognoli vice presidente di Confartigianato Trasporti e membro dell’AP, le 300 imprese di trasporto, gli addetti al diportismo, alle spedizioni ed alla logistica, insomma le 6.000 famiglie che fanno del porto di Ancona la più grande impresa delle Marche, auspicano un ulteriore avanzamento dell’infrastruttura che è vitale per la regione. Per questo secondo Gasparoni è necessario far procedere speditamente progetti e lavori in modo da ammodernare il porto internazionale di Ancona e realizzare la grande viabilità. E’ importante che vengano realizzate le opere previste dal piano regolatore come la diga foranea di sopraflutto a protezione della nuova darsena, la realizzazione di ulteriori stralci della stessa nuova darsena. Un lotto questo che permetterebbe di mettere a disposizione ulteriori spazi per lo sviluppo del porto di Ancona. Secondo Confartigianato afferma Gilberto Antognoli, è importante che la sinergia, che si sta sviluppando fra porto, aeroporto ed interporto, dovrebbe essere intensificata anche dalla collaborazione sistematica delle Istituzioni anche in considerazione dell’avvio del terminal container dell’interporto e del trasporto intermodale in questa infrastruttura.



Gilberto Gasparoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2010 alle 15:38 sul giornale del 31 dicembre 2010 - 1040 letture