Emergenza maltempo, Cataldi: 'la messa in sicurezza del territorio è un bene primario'

giorgio cataldi 1' di lettura Ancona 02/03/2011 -

Preoccupazione per il territorio e le imprese. Il Segretario della Confartigianato provinciale di Ancona Giorgio Cataldi, esprime profonda preoccupazione per i danni causati dall’ondata di maltempo e ribadisce la necessità di chiedere il riconoscimento dello stato di emergenza e calamità naturale.



Bisogna tenere sempre alta la guardia e impegnarsi in una sfida che è quella di adottare strumenti più adeguati possibili per riuscire a fronteggiare le emergenze come questa . Stiamo costantemente monitorando la situazione delle imprese nelle zone della Provincia in cui l’ondata di maltempo ha creato più problemi. Gli operatori turistici e gli imprenditori della costa hanno iniziato la conta dei danni delle violente piogge della notte scorsa. Chiediamo dunque alle Istituzioni un impegno forte e preciso per la messa in sicurezza del territorio e delle attività .

Ma dalle parole occorre passare ai fatti. Un territorio non sicuro per la vita dei cittadini e delle attività produttive non può essere competitivo. Non servono interventi disorganici ma occorre una volta per tutte mettere mano al problema. C’é la necessità dunque di una presa di coscienza più ampia e di procedere da subito alla predisposizione di strumenti idonei adatti a fronteggiare la situazione. Non serve solo rispondere con provvedimenti tampone all’emergenza ma un programma più articolato di salvaguardia del territorio e della nostra costa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2011 alle 17:47 sul giornale del 03 marzo 2011 - 932 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, economia, artigianato, ancona, giorgio cataldi, artigiani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hZb





logoEV