PCL: no alla violenza, solidarietà allo studente anconetano aggredito

PLC Partito Comunista dei Lavoratori 1' di lettura Ancona 13/03/2011 -

Il Partito Comunista dei Lavoratori e tutti i suoi militanti esprimono la massima solidarietà allo studente anconetano che, la notte del 4 marzo, uscendo dalla sede dell'Associazione Culturale Universitaria Gulliver è stato brutalmente pestato da un manipolo di sconosciuti.



Lascia sgomenti la serie di aggressioni che si stanno verificando nella città negli ultimi tempi e non possono che ricevere una ferma condanna da parte di tutti i cittadini ed i sinceri democratici.

Ci auguriamo che dietro questi folli gesti non ci sia una matrice politica, ma invitiamo comunque tutti i partiti, le associazioni, i sindacati, le istituzioni a stringersi intorno ai ragazzi del Gulliver -che negli ultimi tempi hanno costituito il fulcro della vita culturale e democratica del mondo universitario marchigiano- ed a mobilitarsi per difendere la libertà individuale di tutti gli anconetani.

Per questo il PCL si dichiara fina da ora disponibile a partecipare a tutte le iniziative comuni che verranno intraprese contro questo clima di odio per respingere qualsiasi forma di violenza ingiustificata ed indiscriminata.


da Partito Comunista Italiano
Comitato Regionale Marche
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2011 alle 18:42 sul giornale del 14 marzo 2011 - 933 letture

In questo articolo si parla di politica, pcl, marche, Partito Comunista dei Lavoratori – Coordinamento Regionale delle Marche, Partito Comunista dei Lavoratori, plc, PLC Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iqo