Ambulanti, Confesercenti: 'Positiva apertura dell'amministrazione ma si accelerino i tempi'

confesercenti 2' di lettura Ancona 15/03/2011 -

All’incontro di martedì con il Comune di Ancona, si è parlato di parcheggi, ambulanti e nuove proposte.



"È stato un incontro positivo - afferma Giancarlo Gioacchini, Vicepresidente regionale Confesercenti - soprattutto per l’apertura al dialogo dimostrata dai rappresentanti dell’amministrazione comunale di Ancona". All’incontro tra Confesercenti e Comune di Ancona svoltosi martedì scorso erano presenti, oltre a tutto il direttivo dell’associazione di categoria, anche molti ambulanti che hanno voluto mettere sul tavolo le ragioni dei loro problemi. "La cosa che ci preme di più - spiega Leonardo Bianchi, portavoce del direttivo pro tempore in rappresentanza degli ambulanti - è che il comune si impegni a ricompattare gli ambulanti per il mercato e che riporti gli operatori nelle sedi originarie. C’è, infatti, un atto del comune stesso, che risale al 1992 e che dimostra come già da subito il Comune si fosse impegnato a riportare in sede il mercato nel più breve tempo possibile". Non solo ambulanti, però, perché i commercianti anconetani hanno una lunga serie di problemi, primo dei quali quello dei parcheggi.

"Quello dei parcheggi in Ancona - continua Giancarlo Gioacchini - è un problema atavico soprattutto per i commercianti del centro storico. Il comune vuole costruire una serie di parcheggi a corona intorno al nucleo commerciale della città, noi, invece, caldeggiamo la porposta di utilizzare Piazza Cavour come unico parcheggio a servizio del centro con l’aggiunta di un bus nmavetta gratuito che faccia la spola dalla stazione fino alla piazza, passando per degli archi. Abbiamo spiegato ai rappresentanti dell’amministrazione comunale che noi siamo pronti a valutare le poroposte alternative, ma abbiamo assolutamente bisogno di conoscere i tempi dell’operazione. Per adesso, e di questo siamo decisamente soddisfatti, si è giunti a concordare 100 posti auto a raso in Piazza Pertiniad un prezzo convenzionato e più agevole rispetto a quello applicato nel parcheggio sotterraneo. Abbiamo anche chiesto che si programmi in tempi brevi la ristrutturazione del mercato delle erbe che, per quanto accessibile, è in totale stato di abbandono e che si giunga presto ad un accordo per la riqualificazione del porto che possa collegarlo alla città e renderlo di nuovo vivo. Per quello che riguarda ques’ultima esigenza, abbiamo anche proposto al Comune di concordare arrivi e partenze dei traghetti con la capitaneria di porto e le compagnie in modo tale che questi avvengano in concomitanza con le aperture dei negozi".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2011 alle 18:53 sul giornale del 16 marzo 2011 - 785 letture

In questo articolo si parla di attualità, confesercenti, ancona, parcheggio, mercato ambulante

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iws





logoEV