Confcommercio sul mercato di Corso Mazzini

confcommercio 2' di lettura Ancona 23/03/2011 -

Dopo l’ennesimo incontro di martedì mattina, Confcommercio Imprese per l’Italia provincia di Ancona, continua a difendere con forza le istanze degli ambulanti.



Non ascoltare le richieste FIVA-Confcommercio (sindacato degli ambulanti), significherebbe dare un calcio al commercio – dice il Direttore Provinciale Confcommercio Imprese per l’Italia, Dr. Massimiliano Polacco -, cancellando con un colpo di spugna un pezzo di storia della città.

Se dal 1942 il mercato ambulante ha sede in Corso Mazzini, e con esso la simbiosi col commercio in sede fissa, hanno prodotto reddito e sostegno alle famiglie degli imprenditori locali, la domanda naturale da porsi è: ma perché spostarlo? La capacità di un governo è quella di amministrare usando le proprie competenze , garantendo controllo, sicurezza e rispetto; questo non significa sradicare realtà che già esistevano da prima della fondazione della Prima Repubblica, ma significa sapersi adoperare per aiutare la convivenza, prendendo decisioni che siano rivolte alla salvaguardia delle famiglie che stanno dietro alle imprese e a quelle dell’utenza. Garantire la sicurezza del Corso non può voler dire fare piazza pulita del commercio, ma prendere precauzioni per facilitare gli accessi all’area stessa. Come? Basta guardarsi attorno o fare mente locale per capire che ciò che non va su Corso Mazzini non sono le bancarelle – Continua il Direttore Polacco-. Del resto è più facile porre un ordigno sotto ad un’automobile in sosta che sotto ad un banco presidiato da un commerciante.

Dal proprio canto, tra le altre cose, l’Amministrazione a mezzo del neo Assessore Celestini si è già prestata alla valutazione condivisa delle soluzioni, che prevedono una razionalizzazione precisa e definitiva del mercato, senza alcuno stravolgimento, nell’ottica della passeggiata da mare a mare, da effettuarsi a piedi, in mezzo ai mercati ed ai negozi del centro della città ,nell’isola pedonale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-03-2011 alle 15:51 sul giornale del 24 marzo 2011 - 885 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, ancona, confcommercio ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iNm