Questione ambulanti, Polacco sfodera soluzioni condivise

confcommercio 2' di lettura Ancona 24/03/2011 -

Pronta a risolvere le emergenze come quella del caso ambulanti di Corso Mazzini, Confcommercio – Imprese per l’Italia provincia di Ancona, con una delegazione ristretta di associati FIVA, guidata dal Direttore Polacco ed il responsabile Fiva Franco Adamo, nella mattinata di giovedì, dopo alcune conversazioni telefoniche con Palazzo del Popolo, ha incontrato l’Assessore Celestini.



L’incontro svoltosi nella completa sintonia d’intenti, ha ridisegnato il quadro d’intesa entro il quale incardinare la proposta di destinazione dei banchi degli ambulanti. Posto come principio, l’armonizzazione del commercio con gli elementi architettonici e commerciali, Confcommercio provincia di Ancona ha già evidenziato – risolvendole – le criticità della proposta che fra le altre era piaciuta ai commercianti ambulanti. Ridare luce, identità e ruolo attrattivo al mercato ambulante è stato comunque il filo conduttore della discussione, conclusasi con una dichiarazione d’intenti tra gentil’uomini (e donne). Infatti Confcommercio, grazie all’aiuto degli associati ha quasi ultimato il progetto di riordino del mercato storico, prendendo in considerazione le diverse esigenze amministrative, commerciali e di convivenza, progetto che fra pochissime ore verrà consegnato all’Amministrazione.

Sempre nella stessa mattinata , si è svolto l’incontro relativo alla regolamentazione dei dehors per corso Garibaldi. Tra le cose discusse dal Presidente Confcommercio – Imprese per l’Italia delegazione Ancona, Francesco Cinti, alla presenza degli Assessori Pasquini e Celestini ed altri delegati Confcommercio tra cui Mario Campanella, spiccano la definizione delle altezze delle schermature verticali, le altezze delle pedane su cui poggiano le strutture e la differenza geometrica tra i basamenti e le coperture. Durante la discussione è stata inoltre definita una moratoria per l’adeguamento delle strutture già in essere, che preveda tempi adeguati per ammortizzare la spesa di quegli operatori che sono già in possesso di dehor approvati in precedenza. Gli intervenuti, si sono congedati auspicando una solerte procedura per l’iter di approvazione del regolamento in Consiglio Comunale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2011 alle 17:20 sul giornale del 25 marzo 2011 - 817 letture

In questo articolo si parla di economia, confcommercio, ancona, confcommercio ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iQo





logoEV