contatore accessi free

Andreacci (Anci): 'Tagli ai comuni insostenibili, ascoltateci!'

2' di lettura Ancona 30/08/2011 -

Dopo le correzioni di lunedì alla manovra varata a metà agosto sui tagli agli Enti locali chi li rappresenta è sceso, dopo la manifestazione di Milano, nella piazza della repubblica di Ancona. Un teatro le muse come scenario di una manifestazione pacifica, ma di protesta sentita contro i tagli di una manovra che qualcuno ha definito "scellerata". Anci, Upi, la Regione Marche e i sindaci tutti riuniti per portare avanti la loro protesta.



Dopo la notizia che i piccoli Comuni non saranno più soppressi l'Anci ritorna, dunque, in piazza della Repubblica di Ancona a protestare contro altri possibili tagli del governo.

Circa 100 persone quelle presenti all'appuntamento di Ancona. Tra questi tanti primi cittadini: il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano che ha aperto la manifestazione, il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e tanti altri per arrivare anche alla presenza del sindaco di Falconara Goffredo Brandoni (Pdl) anche lui sensibile alla manovra del governo. Non sono mancati neanche la presenza di assessori dei vari comuni e diversi sostenitori come Legambiente ed Api.

"Noi ci possimo mettere impegno - ha affermato il presidente dell'Anci delle Marche Mario Andreacci - e passione che è il valore aggiunto che può rendere migliore questa Italia. Ma se la manovra si manterrà, i tagli ai Comuni saranno insostenibili. Per questo ascoltateci! grazie."

"Questi tagli sono i tagli che fanno male alla politica - ha proseguito Andreacci - e alla nazione in generale. Non sono i costi della politica, della politica dei comuni a gravare sulle spese dell'attuale governo. Ciò che è necessario ora sono misure strutturali e la modifica del patto di stabilità."

Una manifestazione che simboleggia, quindi, il fatto che il vertice di lunedì ad Arcore e le correzioni alla manovra non abbiano poi così convinto i rappresentanti degli Enti locali.

"C'è preoccupazione hai tagli per i Comuni - ha detto Daniele Ballanti coordinatore comunale Api - ed è per questo che sosteniamo sia a livello comunale che regionale l'Anci. Siamo convinti che i tagli ai comuni significhino sempre più tagli per i giovani."

"Si possono tagliare i costi della politica - ha affermato il presidente del Consiglio comunale Letizia Perticaroli - ma non i costi della democrazia."








Questo è un articolo pubblicato il 30-08-2011 alle 14:41 sul giornale del 31 agosto 2011 - 978 letture

In questo articolo si parla di attualità, anci, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/oO5





logoEV
logoEV