contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ballanti (Api): collegamento 'Ospedale-città', i timori di un'infermiera

2' di lettura
1310

Daniele Ballanti
Emergenza neve e collegamenti per gli Ospedali Riuniti. La preoccupata segnalazione di un’infermiera degli Ospedali Riuniti di Ancona dal titolo “infermieri forzati del bus", a proposito dei collegamenti tra l'ospedale e il resto della città, è reale e rafforza i timori di Alleanza per l'Italia - API - Ancona.

E' fuor dubbio che questi giorni stiamo vivendo un'emergenza, ma è anche vero che, con i continui tagli al trasporto pubblico, autobus strapieni saranno sempre più la norma, costringendo molti utenti a scegliere il mezzo privato. L'Azienda ospedaliera ha una convenzione con Conerobus per abbonamenti annuali agevolati per i dipendenti, ma come possono essere vantaggiosi se la linea 30 per la Stazione centrale di pomeriggio transita ogni ora?

O come può un infermiere che finisce il turno alle 22,12 andare di corsa a cambiarsi e salire sull'ultimo 30 delle 22,20 per trovarsi in Stazione centrale o al Piano nella quasi impossibilità di raggiungere altri quartieri o città limitrofe?

Giorni fa' in Consiglio Comunale un consigliere ha fatto un'interrogazione urgente per denunciare che un "primario chirurgo" non avrebbe potuto operare perchè bloccato dalle strade innevate, mentre invece, nel silenzio della quotidianità centinaia di medici ed infermieri hanno raggiunto l'ospedale con i mezzi pubblici che, seppur pieni come segnalato dall'infermiera, hanno comunque garantito tutto il giorno i collegamenti.

Raccogliamo quindi il grido di aiuto dell'infermiera e, oltre invitando chi di dovere a rivedere scelte strategiche in tema trasporto pubblico, approfittiamo dell'occasione per elogiare quegli operatori sanitari che, nonostante le tante difficoltà in questa fase di emergenza, hanno garantito continuità assistenziale con comportamenti virtuosi e senso di responsabilità che contraddistingue la stragrande maggioranza dei dipendenti ospedalieri, con gli infermieri certamente non ultimi a nessuno.



Daniele Ballanti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2012 alle 12:45 sul giornale del 15 febbraio 2012 - 1310 letture