contatore accessi free

Furti ai bancomat tra Ancona e Nord Italia, in manette due rumeni

bancomat 2' di lettura Ancona 12/03/2012 - E' stato scoperto poco dopo un colpo ad un bancomat in Ancona, uno dei due rumeni che effettuavano furti ai bancomat da qualche tempo tra Ancona e il Nord Italia. Il più giovane é stato colto dalla polizia con le tasche piene di denaro in contante.

Era tardo pomeriggio di lunedì quando gli Agenti delle Volanti, diretti dal Vice Questore Aggiunto Cinzia Nicolini, in via Leopardi notavano un giovane sospetto aggirarsi nei pressi di un bancomat. Si tratta del 26enne, B. M queste le iniziali del giovane rumeno, che insieme al connazionale 48enne T.A. svaligiavano i bancomat da Ancona fino al Nord Italia.


I furti agli sportelli bancomat dei due, senza fissa dimora, si sono fermati in Ancona grazie alla brillante operazione di polizia, scaturita da un attento e puntuale controllo del territorio da parte degli operatori dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Ancona.

E' proprio durante un controllo del giovane rumeno che é scattata l'operazione. Il 26enne rumeno, infatti, aveva con se una regolare Post pay con il quale aveva prelevato poco prima 20 euro. Nulla di sospetto fino a che non si é notato a terra, proprio vicino al giovane, un strana forchetta. Perdipiù il ragazzo aveva le tasche piene di banconote di vario taglio da 50 e da 20 euro. In tasca, poi un'arnese identico a quello notato a terra.

La tecnica era semplice: inserito l'oggetto metallico all'interno dell'estrattore, le banconote venivano bloccate e, dopo alcuni mancati prelievi da parte degli ignari clienti, rimuovevano l'oggetto metallico ed effettuato un piccolo prelievo con la post pay che si scappava con tutte le banconote rimaste in "coda". Lo stesso "modus operandi" era stato messo in pratica anche in piazza Cavour, dove era intervenuta un'altra pattuglia, dove un altro rumeno, T.A., veniva trovato in possesso di un ricco bottino di circa 1.400 euro che erano stati accuratamente nascosti nel bracciolo porta oggetti della propria auto. Anche lui era provvisto di arnesi da scasso uguali a quelli del giovane rumeno. E così che per loro sono scattate le manette.

Nella stessa mattinata avevano effettuato altri due furti sia in via Palestro che a Marina di Montemarciano. Questi ultimi avevano fruttato loro già un bottino di circa 6mila euro. Ma a loro, probabilmente, non erano bastati. Il bottino é stato poi sequestrato presso il loro domicilio. I due non erano nuovi, già avevano messo in atto furti in diversi bancomat del Nord Italia. Ora i due malviventi si trovano presso le Camere di Sicurezza della Questura di Ancona in attesa dell'udienza di convalida degli arresti.






Questo è un articolo pubblicato il 12-03-2012 alle 15:08 sul giornale del 13 marzo 2012 - 1001 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, bancomat, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/wmH





logoEV
logoEV